Politica Borgo Trento / Piazzale Aristide Stefani

“Oltre 500 veneti sono affetti da Sla ma mancano le strutture, che fa la Regione?”

Giovannna Negro, Andrea Bassi, Stefano Casali e Maurizio Conte, hanno presentato un'interrogazione alla giunta regionale per chiedere se sul territorio siano presenti strutture specializzate in questa terribile malattia

I consiglieri tosiani Giovannna Negro, Andrea Bassi, Stefano Casali e Maurizio Conte hanno presentato oggi, 25 gennaio, l’interrogazione dal titolo: “Sindrome laterale amiotrofica (Sla) - una patologia neurodegenerativa subdola che colpisce oltre 500 persone in veneto. Esistono strutture con personale e dotazioni qualificate per l’assistenza?

“Nel 2011 – spiegano i tosiani – erano 295 le persone in Veneto affette dalla Sclerosi Laterale Amiotrofica conosciuta anche come “Morbo di Lou Gehrig”, “malattia di Charcot” o “malattia del motoneurone”, e oggi sono oltre 500. Una malattia rara – proseguono i quattro - neurodegenerativa progressiva con una caratteristica che la rende particolarmente drammatica: pur bloccando gradualmente tutti i muscoli, non toglie la capacità di pensare e la volontà di rapportarsi agli altri. La mente resta vigile ma prigioniera in un corpo che diventa via via immobile”.

“La Regione ha istituito il “Tavolo SLA” per analizzare e monitorare l’evoluzione della malattia – proseguono i consiglieri - e tutti gli aspetti legati alla vita delle persone che ne sono affette, senza dimenticare i riflessi sulla vita dei familiari che con il devolvere della patologia devono assistere i malati 24 ore su 24. E’ quindi necessario ed urgente individuare delle strutture che si prestino ad assistere i malati di Sla, qualificate e con una dotazione organica idonea”.

Due le domande che i tosiani rivolgono alla giunta con l’interrogazione a risposta scritta:

  1. Se intenda convocare il Tavolo Sla per monitorare e gestire la situazione degli oltre 500 veneti affetti da questa terribile patologia;
  2. Se intenda porre in essere delle azioni tese ad individuare ed accreditare strutture nuove o esistenti per la cura e l’assistenza delle persone affette da questa terribile patologia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Oltre 500 veneti sono affetti da Sla ma mancano le strutture, che fa la Regione?”

VeronaSera è in caricamento