Quasi la metà dei veronesi si sente un po' più povera e uno su quattro ricorre al credito

Adiconsum Verona ha presentato il 5 dicembre al convegno "Sovraindebitamento e usura a Verona: analisi e soluzioni", i risultati della propria indagine condotta su un campione di 1000 persone

Come ogni anno Adiconsum Verona, Lega Consumatori Verona, Adoc Verona e Movimento Consumatori Verona hanno offerto alla cittadinanza scaligera uno spunto di riflessione sui temi legati all’uso improprio del denaro e alla composizione delle crisi da sovraindebitamento. Al convegno "Sovraindebitamento e usura a Verona: analisi e soluzioni", realizzato il 5 dicembre 2014, con il patrocinio della Fondazione Beato Giuseppe Tovini e dell'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, nonché con il contributo della Camera di Commercio di Verona e della Banca di Verona, è stata presentata l'indagine sulla conoscenza dei veronesi sul credito ai consumatori.

Dall’esame dei dati raccolti attraverso l’indagine realizzata su un campione di 1.000 persone della Provincia di Verona il 43% degli intervistati dichiara che la situazione economica in cui versa è meno sicura dell’anno precedente. La percentuale era più alta nel 2013 (49%) e ancora più significativa nel 2012 (59%). Si può pertanto desumere che si è ridimensionata la percentuale di persone che percepiscono un aggravamento della situazione economica (59, 49, 43 %) ma anche nel 2014 emerge una diffusa percezione di insicurezza economica. Rimane invece stabile (tra il 2013 e il 2014) la percentuale di persone intervistate che dichiarano di non avvertire alcuna variazione della propria situazione economica (37%)

GLI ULTIMI 12 MESI - La gran parte degli intervistati sia nel 2013 (75%) che nel 2014 (63%) ha dichiarato di avere ridotto le spese negli ultimi 12 mesi. Anche in questo caso, tuttavia, il dato del 2013 faceva emergere una maggiore difficoltà economica perché la percentuale dei soggetti che hanno contratto le uscite era superiore (circa il 12% in più).

I PROSSIMI 12 MESI - La quota più significativa degli intervistati (37%) dichiara che nei prossimi 12 mesi spenderà più soldi e dovrà ridurre le spese (63%). Il 48% dichiara inoltre che dovrà ridurre gli acquisti personali. Nel 2013 la quota più significativa degli intervistati (41%) dichiarava che nei successivi 12 mesi avrebbe speso più soldi e avrebbe dovuto ridurre le spese (75%). Il 52% dichiarava inoltre che avrebbe ridotto, nei successivi 12 mesi, i propri acquisti personali. La percentuale di intervistati che sostengono che si spenderanno gli stessi soldi è sostanzialmente invariata tra 2013 (20%) e 2014 (22%). 

RICORSO AL CREDITO - Attualmente soltanto il 25% degli intervistati dichiara di avere fatto ricorso al credito (nel 2013 la percentuale era più elevata, pari al 30%) e nel futuro soltanto il 6% ritiene di dovervi ricorrere (nel 2013 la quota era pari all’8%). Rimane poi una quota pari al 33% che dichiara che forse ricorrerà a forme di finanziamento. Il canale preferenziale per accedere al credito rimane la banca (per 75% degli intervistati), seguita dalla società finanziarie (19%), mentre il 6% dichiara di avere fatto ricorso al credito direttamente in sede di acquisto del prodotto presso il negozio. Il 6% degli intervistati dichiara di dovere ricorrere al credito in futuro per fare fronte a spese mediche (21%) e per l’acquisto di beni di prima necessità (14%). Nel 2012 la quota più rilevante era rappresentata dall’esigenza di estinguere debiti precedentemente contratti (8%). Nel 2012 e nel 2013 la gran parte degli intervistati che hanno dichiarato di avere fatto ricorso al credito, hanno precisato di averlo fatto attraverso prestiti finalizzati (nel 2012 il 59%, nel 2013 il 35%). Nel 2014, invece, la forma più diffusa è rappresentata dal prestito personale (30%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE ASPETTATIVE DEI CONSUMATORI - Il 65% degli intervistati chiede che le associazioni offrano tutela e informino i consumatori sui loro diritti, mentre il 35% ritiene che le stesse organizzazioni formino ed educhino e esercitino forme di pressione sulle istituzioni per la tutela dei loro diritti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento