Notizie

Poste Italiane, Valdegmaberi contro la chiusura degli sportelli

Il consigliere regionale dell'Udc: "I servizi pubblici essenziali non possono essere sottoposti alla pura legge della domanda e dell'offerta, altrimenti non sarebbero più pubblici"

"La chiusura degli uffici postali nelle aree marginali accentua gli squilibri tra i territori del Veneto."  Lo sostiene il consigliere regionale dell'UdC, Stefano Valdegamberi, che sottolinea che i più colpiti dall'annunciata chiusura degli uffici postali saranno i territori della collina e della montagna veronese e venete in generale.

“Come sempre - dichiara Valdegamberi - sono i centri più deboli e periferici a fare le spese per primi. La necessità di mantenere i servizi nei territori marginali e più deboli della nostra provincia dovrebbe rispondere al principio che il mantenimento in vita della montagna e delle aree marginali è un valore non solo per le persone che vi abitano ma per l'intera collettività. Quindi una valutazione economica che guardi solo al profitto di un'azienda che produce servizi di pubblica utilità - sottolinea l'esponente dell'UdC - è una valutazione  parziale, non esaustiva. Infatti, la permanenza della popolazione nelle aree marginali è correlata a due fattori: il lavoro ed i servizi. Il venir meno di uno di queste due condizioni essenziali - osserva ancora - porta progressivamente la gente ad emigrare ed a congestionare le aree urbane, dotate di maggiori servizi (scolastici, socio-sanitari, commerciali, etc), più facilmente ed economicamente fruibili. Lo spopolamento e l'abbandono delle aree marginali produce dei costi sociali, purtroppo non contabilizzati nei conti economici né delle aziende private né nelle aziende pubbliche o para-pubbliche, ma che incidono, seppur indirettamente, in maniera non irrilevante nel bilancio dello Stato. Sono costi che ineriscono soprattutto alla conservazione ed alla manutenzione del territorio e dell'ambiente, al patrimonio storico e culturale, il cui valore (anche in termini economici) appartiene non solo agli abitanti delle aree marginali, ma all'intera collettività. Le poste e telecomunicazioni Spa,  non considerano questi aspetti ma lo Stato, suo azionista al 100% , dovrebbe farlo. Altrimenti rischia di fare harakiri con se stesso. I servizi pubblici essenziali - conclude Valdegamberi - non possono essere sottoposti alla pura legge della domanda e dell'offerta, altrimenti non sarebbero più “pubblici”. O lo Stato ha questa visione dell'interesse generale, o, altrimenti, si ritiri e lasci totalmente lo spazio al mercato. Ma allora andremo tutti ad abitare in città”.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste Italiane, Valdegmaberi contro la chiusura degli sportelli

VeronaSera è in caricamento