menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acque Veronesi dota di nuove condotte fognarie il comune di Sona

Per l'azienda, un investimento di quasi 600 milioni di Euro, grazie ai quali verranno risolte le esigenze dovute all'ampliamento di Lugagnano

Acque Veronesi risponde alle esigenze del servizio fognario conseguenti all’ingrandimento di Lugagnano di Sona, con lavori di ampliamento della rete per quasi 600.000 euro. E’ esattamente di 585.000 euro, infatti, l’importo dei lavori appaltati in questi giorni che porteranno alla realizzazione del primo lotto del secondo stralcio dell’adeguamento della rete fognaria comunale. “Un intervento importante”, spiega il presidente della società consortile che gestisce il servizio idrico integrato Massimo Mariotti, “e che rientra nell’opera di ottimizzazione del servizio che, compatibilmente con le risorse disponibili, l’azienda sta portando avanti sulla base delle esigenze che vengono registrate sul territorio”.

Gli interventi previsti a Sona, che in questa fase riguardano in particolare il completamento di alcune zone di Lugagnano, della frazione Bosco e  della zona Valle, sono necessari per attuare un’opera di risanamento igienico-sanitario del territorio comunale per mezzo della realizzazione di nuovi collettori e del riassetto delle infrastrutture fognarie esistenti.   Il progetto generale prevede infatti vari interventi e l'esigenza di procedere allo studio generale e successivamente alla realizzazione dei lavori di estensione ed adeguamento delle infrastrutture fognarie è dovuta in particolare al notevole sviluppo socio-economico dell'area metropolitana di Verona, ed in particolare del Quadrante Europa, che ha favorito l'insediamento di numerose attività produttive e commerciali nel territorio del Comune di Sona. A questo va poi aggiunto il fatto che anche alcune zone residenziali, sia di nuovo insediamento sia realizzate in tempo passato, non sono ancora dotate di allacciamento fognario.

L'intervento che è stato ora appaltato e che prenderà il via a novembre, con la previsione di chiudere il cantiere entro sei mesi, ha come obiettivo l’esecuzione di condotte per acque nere complete di tutti gli allacciamenti e di pozzetti ispezionabili, per una lunghezza complessiva di 1.454 metri. Le tubazioni, che hanno diametri compresi fra i 300 ed i 400 millimetri, verranno posate, interessando in parte proprietà private, in via Adige, in un tratto di via Betlemme, dove saranno collegate anche le lottizzazioni presenti in via Damasco, e lungo la Strada Regionale numero 11.

“In questo modo si risolvono problemi significativi, collegando le reti fognarie delle frazioni e unendole a quelle della città, permettendo un servizio migliore e sistemando situazioni che si trascinavano da tempo”, afferma il sindaco di Sona Gualtiero Mazzi. Il quale poi spiega che l’intervento è divenuto possibile anche grazie ad Acquevive, la società formata dai comuni di Sona e Sommacampagna che gestiva l’idrico integrato prima dell’ingresso di Acque Veronesi. “Noi – specifica il presidente di Acquevive Agostino Chiarel – abbiamo acceso con la Cassa depositi e prestiti il mutuo per quest’opera, seguendone la prima fase prima di passarlo ad Acque Veronesi”. “La quale – chiude Marco Olivati, vicepresidente di Acque Veronesi – sta avviando un lavoro che ha una duplice valenza, migliora il servizio a favore dei cittadini e tutela l’ambiente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento