menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Maltempo in Veneto da «allerta rossa». Protezione Civile tiene alta la guardia

L'allerta rossa è un evento poco frequente che impone di prestare la massima attenzione all'evoluzione dell'evento, portando il sistema di Protezione Civile nella massima fase operativa

Venerdì mattina si è riunito il Comitato Tecnico in Emergenza della Protezione Civile per un aggiornamento delle previsioni in merito all'evento meteorologico che colpirà il territorio regionale a partire dal 2 ottobre, ma con maggiore intensità nella giornata di sabato 3.

I modelli previsionali confermano sostanzialmente le previsioni di giovedì che hanno portato il Centro Funzionale Decentrato ad emettere una allerta rossa per il rischio idrogeologico nella zona VENE-H (Piave Pedemontano) e allerta arancione per rischio idrogeologico in VENE-A (Alto Piave) e VENE-B (Alto Brenta – Bacchiglione - Alpone) e per rischio idraulico in VENE-B e VENE-E (Basso Brenta - Bacchiglione).
«Siamo in allerta rossa per il maltempo», ha confermato lo stesso Luca Zaia nel corso del punto stampa che si è tenuto venerdì.

I corsi d'acqua da attenzionare maggiormente nella fase acuta del fenomeno sono quelli della fascia pedemontana, come ad esempio, i bacini dell'Agno, del Chiampo, dell'Astico, del Muson dei Sassi e del Monticano.

L'allerta rossa è un evento poco frequente che impone di prestare la massima attenzione all'evoluzione dell'evento, portando il sistema di Protezione Civile nella massima fase operativa.

Si ricorda che dopo la tempesta VAIA l'assetto idrogeologico dei territori maggiormente colpiti è notevolmente mutato. La messa in sicurezza del territorio non è stata ancora del tutto completata in quanto non tutti i lavori avviati sono stati ultimati.

Inoltre, sempre alla luce delle previsioni meteo, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile regionale ha dichiarato la fase operativa di attenzione per vento forte su zona alpina, prealpina e costiera da riconfigurare, a livello locale, in fase operativa di pre-allarme o allarme a seconda dell’intensità del vento, a partire dalla mezzanotte di oggi fino alla mezzanotte di domani.

In tale contesto la Regione tutti i cittadini a prestare la massima attenzione alle proprie attività, in particolare in prossimità delle zone a rischio.

Scarica le prescrizioni di Protezione Civile

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento