rotate-mobile
Meteo Centro storico / Piazza Bra

Maltempo, allerta arancione per i fiumi. Tregua prevista per lunedì e martedì

Si attendono ulteriori aumenti dei livelli d'acqua nei fiumi e disagi anche per possibili esondazioni nella rete idrografica secondaria e per possibili frane nei versanti

Il quadro complessivo delle precipitazioni in Veneto va attenuandosi, ma si attendono ulteriori aumenti dei livelli d'acqua nei fiumi, con particolare attenzione al sistema Astico-Bacchiglione, Brenta e Agno-Guà e Piave, e disagi anche per possibili esondazioni nella rete idrografica secondaria e per possibili frane nei versanti. Così dovrebbe evolversi la situazione meteorologica in Veneto e, sulla base di queste previsioni, il centro funzionale decentrato della protezione civile regionale ha dichiarato lo stato di pre-allarme per criticità idraulica (allerta arancione) per tutti i comuni rivieraschi del fiume Po e fino alle 20 di domani, 25 novembre, è allerta arancione per rischio idrogeologico anche sui bacini del Brenta, dell'Alpone, del Bacchiglione, e del basso Adige. Ulteriori criticità si potranno verificare anche sulla rete idrografica minore e sulla rete fognaria del Piave Pedemontano e dell'alto corso del Brenta e del Bacchiglione.

Oggi, 24 novembre, dovrebbe comunque essere l'ultimo giorno di questa ondata di maltempo, che ha portato precipitazioni abbondanti in tutto il Veneto. Le condizioni di tempo perturbato persisteranno fino a domani, quando condizioni di maggiore stabilità e più soleggiate resisteranno per un paio di giorni. Mercoledì è previsto un nuovo peggioramento per l'avvicinamento di una saccatura da Ovest che porterà ancora precipitazioni sulla regione. Giovedì condizioni di variabilità.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, allerta arancione per i fiumi. Tregua prevista per lunedì e martedì

VeronaSera è in caricamento