rotate-mobile
Meteo Albaredo d'Adige / Piazza Vittorio Emanuele

Nuovi avvisi di allerta idraulica della Protezione civile del Veneto: tutte le zone coinvolte

La nuova allerta meteo sarà in vigore fino alla serata di lunedì 20 maggio

Il Centro funzionale decentrato della Protezione civile della Regione del Veneto, al fine di garantire un monitoraggio costante della situazione e la massima prontezza operativa, ha emesso un nuovo avviso di criticità che dalle ore 14 di oggi, domenica 19 maggio, fino alle ore 20 di domani, lunedì 20 maggio, prevede un’allerta arancione per criticità idraulica riferita al Bacino PO, Fissero-Tartaro-CanalBianco e Basso Adige. In base a quanto viene riferito in una nota della Regione, per la zona di allertamento Vene-D l'andamento dei livelli del fiume Po risultano in aumento lungo il tratto Veneto con superamenti della seconda soglia. La criticità idraulica è relativa al fiume Po ed è da intendersi "arancione" per il tratto da Pontelagoscuro al mare e "gialla" per il tratto superiore.

Per lo stesso arco temporale lo stato di attenzione (criticità idraulica gialla) riguarderà invece i seguenti bacini:

  • Basso Brenta-Bacchiglione (PD-VI-VR-VE-TV)
  • Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna (VE-TV-PD)
  • Livenza, Lemene e Tagliamento (VE-TV)

Avvisio allerta meteo Protezione civile del Veneto - 19 maggio 2024 : ufficio stampa Regione Veneto

Per la zona di allertamento Vene-E in criticità "gialla" sul Fratta-Gorzone i livelli permangono sostenuti e sopra alla terza soglia alla sezione di Valli Mocenighe e sopra la seconda soglia sul Gorzone per effetto delle operazioni di scarico da parte dei consorzi di bonifica. In Vene-F le situazioni lungo l'asta del fiume Sile e lungo il Naviglio Brenta sono riferite in graduale soluzione. In Vene-G è ancora aperto il servizio di piena sul fiume Livenza per il decorso della piena caratterizzata da decrementi molto lenti.

È prevista, inoltre, anche una criticità idrogeologica (allerta gialla) nelle aree del Piave Pedemontano, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone, Adige-Garda e Monti Lessini, Basso Brenta-Bacchiglione. Per le aree soggette alla criticità idrogeologica gialla possibile innesco di frane superficiali e colate rapide sui settori montani, pedemontani, collinari delle zone in allerta. Nelle zone Vene-E risultano tuttora in atto interventi di smaltimento delle acque sulle reti secondarie e di bonifica. Sempre dalla Regione Veneto sottolineano che le previsioni meteo fino a lunedì 20 maggio evidenziano il permanere di un flusso sudoccidentale con conseguenti condizioni di nuvolosità variabile specie in prossimità dei rilievi e nelle ore pomeridiane, ma senza precipitazioni significative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi avvisi di allerta idraulica della Protezione civile del Veneto: tutte le zone coinvolte

VeronaSera è in caricamento