Come funziona la cassa integrazione

Progettiamo il rilancio, Conte: «Cassa integrazione garantita per tutti i lavoratori»

immagine generica

Ha preso il via sabato 13 giugno "Progettiamo il Rilancio", la serie di incontri del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con rappresentanti delle Istituzioni e delle Parti sociali, per un confronto sui progetti di rilancio del Paese. È una giornata che apre un intenso dialogo e un’interlocuzione che il Governo italiano intende realizzare con tutte le forze economiche, politiche, sociali e culturali del Paese, perché siamo chiamati, noi come altri Paesi, ad affrontare uno snodo fondamentale per l’economia. Abbiamo e stiamo vivendo uno shock senza precedenti, con costi umani - in particolare in Italia - ma anche sociali ed economici molto alti», ha dichiarato il Presidente nell'intervento di apertura della prima giornata di lavori.

«È il momento non solo di continuare a seguire l’emergenza e le necessità più immediate, ma questo è il momento di avere e di lavorare a un progetto chiaro per uscire dalla crisi. Un progetto coraggioso, condiviso, e ne dobbiamo anche approfittare - di qui l'opportunità - tramutare la crisi in opportunità per rimuovere anche gli ostacoli che hanno frenato la crescita italiana durante l’ultimo ventennio», ha proseguito il Presidente Giuseppe Conte. Per far questo, il Governo ha elaborato il "Piano di Rilancio dell'Italia", con interventi che avranno un impatto consistente in particolar modo sotto il profilo finanziario. Il Piano si articola in tre linee strategiche (modernizzazione del Paese, transizione ecologica ed inclusione sociale, territoriale e di genere) che verranno attuate attraverso alcuni grandi obiettivi, per conseguire i quali vengono attivate direttrici di intervento che si concretizzano in progetti specifici. 

Al centro della seconda giornata di incontri, quella che si è svolta ieri lunedì 15 giugno, si è discusso della necessità di «garantire la cassa integrazione a tutti i lavoratori, per tutto il tempo che sarà necessario in questa fase di debolezza dell’economia, pianificando al tempo stesso una riforma più organica per l’ulteriore semplificazione degli ammortizzatori sociali». La giornata si è aperta con il contributo del Comitato economico sociale presieduto da Vittorio Colao, ed è poi proseguita con un confronto che ha visto riunite a Villa Pamphilj quattordici sigle sindacali, e si è conclusa con i rappresentanti di Regioni, Comuni e Province.

«Garantiremo la cassa integrazione a tutti i lavoratori, - ha spiegato al termine della giornata di ieri il premier Giuseppe Conte - per tutto il tempo che sarà necessario in questa fase di debolezza dell’economia. Non solo. Abbiamo già in cantiere una riforma più organica per l’ulteriore semplificazione degli ammortizzatori sociali. Anche di questo abbiamo discusso oggi con le organizzazioni sindacali nella giornata di avvio degli incontri con le parti sociali con cui stiamo progettando il rilancio del Paese». Per conoscere nel dettaglio tutte le misure inserite all'interno del decreto-legge del 19 maggio 2020 numero 34, cosiddetto "Decreto Rilancio", è possibile consultare l'apposita sezione dedicata presente sul sito del governo.

Il post Facebook del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Covid-19, un grafico divide l'Italia in province: Verona indicata come "zona rossa"

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento