menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine generica

immagine generica

Colloquio di lavoro: le tecniche del selezionatore e come preparare le risposte

Scopri i segreti per un colloquio di lavoro efficace e aggiudicati la posizione dei tuoi sogni

La conversazione con il recruiter è il test più importante del processo di selezione per una posizione, e sicuramente in più di un'occasione senti di aver rovinato tutto, per colpa di qualche risposta improvvisata. Ci sono questioni chiave che possono portarci al turno successivo o lasciarci fuori dal processo. La buona notizia è che queste domande affrontano un argomento che conosci meglio di chiunque altro: te stesso!

Domande di colloquio di lavoro

Tra le domande di un colloquio di lavoro, ce ne sono sempre alcune che si ripetono  , sono necessarie affinché l'intervistatore sappia qualcosa di più su di te ed espandi ciò che ha già letto sul tuo curriculum.  Per questo motivo ho deciso di raccogliere le domande più frequenti in un colloquio di lavoro e offrirle a te, insieme ad alcuni suggerimenti, in modo che tu possa prepararti al meglio.  Oltre a indagare sulla tua esperienza di lavoro, le tue conoscenze e la tua preparazione accademica, l'intervista si concentra sulla conoscenza della tua personalità, su come affronterai le sfide sul lavoro, su  come ti relazioni con le persone  e su come gestisci la pressione, a seconda della posizione.

Preparati a rispondere in modo intelligente a queste domande:

1. Parlami di te

Sembra una domanda innocente per rompere il ghiaccio, ma ha un obiettivo ben ponderato per il recruiter:  sapere cosa devi offrire all'azienda come dipendente . Non è interessato alla tua vita personale, se hai due figli, se sei divorziato o se ami gli animali, concentrati sul parlare del tuo "io professionale".  Come lavori, in quali settori hai esperienza e perché puoi essere un elemento prezioso per un'organizzazione.

 2. Perché stai cercando un lavoro?

È un grosso errore lamentarsi di quanto male ti hanno trattato nel tuo vecchio lavoro .  Concentrati maggiormente sui nuovi obiettivi che si cercano di raggiungere e sulle sfide che ci si aspetta da un nuovo lavoro.  Se parli negativamente della società, del capo o dei colleghi del tuo precedente lavoro, farai una brutta impressione, anche se hai ragione.  Parla di miglioramento e crescita, non di insoddisfazione.

 3. Qual è il tuo più grande difetto?

Con questa domanda, il recruiter è interessato a due aspetti chiave di te stesso: la tua capacità di commettere errori e la tua capacità di correggerli.  Vuole sapere se sarai il tipo di persona che riceve bene le critiche e si sforza di migliorare, o piuttosto una persona che nega l'errore e si rifiuta di cambiare abitudini.  Non cadere nelle risposte al cliché: "Sono molto perfezionista", "Sono troppo responsabile", "Mi sento stressato se qualcosa non va bene".

 4. Quali sono le tue richieste di salario?

Se questa è la prima intervista, non vuoi ancora dargli un prezzo.  Puoi trovare del tempo con risposte come "Sto cercando uno stipendio competitivo ma non è l'unica cosa che mi interessa, vorrei sapere di più sulle funzioni e le sfide della posizione" o "Penso di aver bisogno di maggiori dettagli sulla posizione per sapere quale sarebbe lo stipendio giusto ”

 5. Perché dovremmo assumere te e non altri candidati?

Metti da parte l'insicurezza e venditi.  Questo è il momento di parlare bene di te stesso,  evidenziare le tue abilità, qualità ed esperienza . Esempio: "L'esperienza che ho acquisito nell'area X mi permette di avere le competenze necessarie per soddisfare e superare le vostre aspettative sulla posizione."  Ti aiuterà anche a parlare della società, ad esempio: "So che la società cerca di posizionarsi sul mercato e sono interessato a far parte del team responsabile del raggiungimento di tale obiettivo". Mostra la tua passione e parla di come lavorerai per raggiungere gli obiettivi chiave dell'azienda. Fai capire che sei essenziale per loro!

Lo  scopo delle interviste  è che dopo di loro, l'azienda può  sapere chi e come sei  .  Quindi  sii onesto, p ossono sempre controllare ciò che hai detto loro o riformulare domande durante l'intervista per confermare i dati !

PS: Non memorizzare le risposte, dovari essere spontaneo e convincente!

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento