Martedì, 22 Giugno 2021
Lavoro

Dove e come richiedere la Naspi: i centri per l'impiego della città e le modalità di domanda

Hai perso il lavoro? Scopri come richiedere la disoccupazione

immagine generica

Hai perso il lavoro, ti hanno licenziato o l'azienda  in cui lavoravi ha chiuso, hai diritto alla disoccupazione! Tutti i lavoratori titolari di un rapporto di lavoro subordinato che non si siano licenziati volontariamente, hanno diritto alla NASpI.

Cos'è la NASpI

La Nuova Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI) è una indennità mensile di disoccupazione istituita dall'articolo 1, in relazione agli eventi di disoccupazione involontaria che si sono verificati a decorrere dal primo maggio 2015. La NASpI viene erogata su domanda.

La NASpI spetta ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che hanno perduto involontariamente l'occupazione, compresi:

  • apprendisti;
  • soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato con le medesime cooperative;
  • personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni.

Non possono accedere alla prestazione:

  • dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni;
  • operai agricoli a tempo determinato e indeterminato;
  • lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per i quali resta confermata la specifica normativa;
  • lavoratori che hanno maturato i requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;
  • lavoratori titolari di assegno ordinario di invalidità, qualora non optino per la NASpI.

 Quanto aspetta dalla NASpI

La misura della prestazione è pari al 75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni, se la retribuzione è inferiore a un importo di riferimento stabilito dalla legge e rivalutato annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT e reso noto ogni anno dall’INPS con circolare pubblicata sul sito (1.195 euro per il 2017, 1.208,15 euro per il 2018 e 1.221,44 euro per il 2019).

Se la retribuzione media è superiore al predetto importo di riferimento annuo (1.221,44 euro per il 2019), la misura della prestazione è invece pari al 75% dell'importo di riferimento annuo stabilito dalla legge (1.221,44 euro per il 2019) sommato al 25% della differenza tra la retribuzione media mensile e il suddetto importo stabilito dalla legge. In ogni caso l'importo dell'indennità non può superare un limite massimo individuato con legge e rivalutato annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT e reso noto ogni anno dall’INPS con circolare pubblicata sul sito (pari per il 2017 a 1.300 euro, per il 2018 a 1.314,30 euro e per il 2019 a 1.328,76 euro). A partire dal primo giorno del quarto mese di fruizione, all'indennità si applica una riduzione del 3% per ciascun mese.

L'indennità è commisurata alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni (comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive), divisa per il totale delle settimane di contribuzione (indipendentemente dalla verifica del minimale) e moltiplicata per il coefficiente numerico 4,33. ( fonti )

Per maggiori informazioni consultare la guida dell'Inps al seguente link

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dove e come richiedere la Naspi: i centri per l'impiego della città e le modalità di domanda

VeronaSera è in caricamento