Come attivare luce e gas a Verona

Quando andiamo a vivere in un nuovo appartamento, prima di pensare all'arredamento, dobbiamo occuparci delle utenze per usufruire di tutti i servizi. Ecco i costi e come richiedere l’attivazione di gas e luce

Immagine generica

Entrare nella nuova casa è sempre un momento di grande emozione per tutti. Ma prima di dedicarsi all’arredo della nostra nuova casetta ci sono una serie d’impegni a cui bisogna prestare molta attenzione. Come prima cosa, inevitabile, dobbiamo occuparci delle attivazioni delle utenze domestiche.Il procedimento per attivare luce e gas non è più complicato rispetto a quello per la disdetta. Vediamo a chi rivolgersi, i costi e i documenti da presentare.

Come scegliere il fornitore

Grazie alla liberalizzazione del mercato abbiamo a disposizione una smisurata gamma di fornitori e offerte. Ogni società oltre a distinguersi per il costo di gas e luce, può offrire servizi extra, come la cura degli impianti o il bonus di benvenuto.

Come attivare la fornitura di luce 

Scelto il fornitore di luce, si  occuperà di tutto, entro 7 giorni lavorativi. La compagnia inoltrerà una richiesta per la fornitura di luce al distributore che penserà ad attivarla tramite un tecnico per i contatori meccanici o tramite un comando nel caso di contatori elettrici.

Per quanto riguarda la riattivazione del contatore, il venditore inoltra la richiesta al distributore, proprietario dell’apparecchio, che li attiverà entro 2 giorni lavorativi.

Documenti e costi per l’attivazione della luce

Dopo aver scelto il fornitore, dobbiamo avere alcuni documenti per concludere il contratto.

  • carta d'identità dell'intestatario della fornitura
  • recapiti telefonici e e-mail;
  • comunicare se l'abitazione è di residenza o meno;
  • il codice POD, che corrisponde all’identificativo della bolletta associato al contatore ed è unico per ogni intestatario;
  • la potenza del contatore;
  • il codice IBAN se vogliamo la domiciliazione bancaria.

Per quanto riguarda i costi, mutano a seconda del fornitore.

Nel regime di maggior tutela, cioè un regime tariffario stabilito dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) si deve versare:

  • un contributo fisso di 26,13 € per oneri amministrativi;
  • un contributo fisso di 23 €; 
  • un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente; 
  • l'imposta di bollo di 16 € prevista dalla normativa fiscale. 

Per quanto riguarda il mercato libero si devono versare:

  • gli eventuali costi per la prestazione commerciale differenti in base al gestore;
  • un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente; 
  • l’imposta di bollo di 16 €, prevista dalla normativa fiscale.

Come attivare la fornitura di gas e le tempistiche

Una volta scelto il distributore di gas, questo inoltrerà la richiesta al distributore locale dentro 2 giorni lavorativi. Una volta ricevuta e approvata la documentazione, questa deve essere attivata entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della richiesta.

L’attivazione avviene a seguito del controllo da parte di un tecnico in possesso dell’abilitazione ai sensi della Legge n. 46/90 della tenuta assoluta dell’impianto.

Il sopralluogo deve essere fissato con un appuntamento entro 10 giorni lavorativi dalla richiesta del tuo fornitore. Il tecnico del distributore esegue una verifica della tenuta dell'impianto stesso, per una durata di 15 minuti.

Nel caso di esito positivo avviene l’attivazione della fornitura, nel caso negativo, si inviano al cliente le motivazioni e una volta risolti i problemi si può presentare una nuova richiesta di attivazione.

Tutto l’iter deve impegnare al massimo 12 giorni lavorativi. Se ci sono ritardi sull’attivazione a causa del distributore, il cliente riceve un rimborso di 35 €.

Documenti e costi per l’attivazione del gas

I documenti devono essere inviati entro 90 giorni dalla data di ricevimento della richiesta di attivazioni, se entro questo periodo non vengono inviati, la procedura viene annullata.

Vediamo quali documenti presentare:

  • carta d’identità con tutti i dati anagrafici;
  • recapiti telefonici o e.mail;
  • il codice PDR che corrisponde al codice fiscale della fornitura del gas, unico per ogni cliente
  • specificare la tipologia di fornitura, se si utilizza per cucinare, per il riscaldamento;
  • i moduli richiesti dal fornitore tra cui l’attestazione di tenuta dell’impianto.

Per quanto riguarda i costi per gli impianti di uso domestico, il fornitore addebita al cliente 40€, indipendentemente dall’esito dell’accertamento.

Nel caso in cui l’accertamento non è stato possibile, il fornitore addebita comunque 15€ al cliente. Se questo viene eseguito in seguito dal Comune i costi arrivano a 60€. Se l'esito della verifica del Comune è negativo, il distributore viene avvertito e può sospendere la fornitura già attivata.

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS

Controlla la tua bolletta: se sei nel mercato di tutela il tuo fornitore di energia e gas viene mostrato di seguito. Altrimenti sei nel mercato libero. Che tu sia nel mercato tutelato o in quello libero, puoi risparmiare sulle bollette dell'energia e del gas. Inoltre tieni presente che il mercato di tutela dell'energia cesserà nel 2020 e che già da ora puoi passare al mercato libero, anche per la bolletta del gas.

VENDITORI MERCATO LIBERO A VERONA

Di seguito  puoi trovare i principali operatori del mercato libero presenti a Verona.

A2A ENERGIA S.P.A.

E.ON ENERGIA S.P.A.

EDISON ENERGIA S.P.A.

ENI GAS E LUCE S.P.A.

Altri operatori del mercato libero sul territorio veronese 

  • A.B. ENERGIE
  • ALEGAS S.R.L.
  • ALFANO ENERGIA S.P.A.
  • ALLEANZA LUCE&GAS S.P.A.
  • ASCOTRADE S.P.A.
  • AXOPOWER SPA
  • AZIENDA ELETTRICA TICINESE ITALIA
  • BENACO ENERGIA S.P.A.
  • B-ON S.R.L
  • CHINA POWER S.P.A.
  • DOLOMITI ENERGIA TRADING SPA
  • E' NOSTRA SOCIETA' COOPERATIVA
  • EMMECIDUE
  • ENEGAN SPA
  • ENERG.IT S.P.A.
  • ENERGETIC GAS & POWER SRL
  • ENERGIA CORRENTE
  • ENERGIA E GAS
  • ENTRACO
  • EXERGIA SPA
  • FAMIGLIA ENERGIA S.R.L.
  • FINTEL GAS E LUCE
  • FIORESE BERNARDINO S.P.A.
  • FORGREEN S.P.A.
  • FUTURENERGY RINNOVABILE
  • GAS SALES S.R.L.
  • GEKO S.P.A
  • GEO NORD EST
  • GLOBAL POWER S.P.A.
  • GREEN POWER ENERGY S.P.A
  • HELIOS S.P.A.
  • INVENT
  • LIFEGATE ENERGY
  • LUCE E GAS ITALIA SRL
  • MADE IN ENERGY
  • MIWA ENERGIA
  • NUOVENERGIE SPA
  • NWG ENERGIA S.R.L. SOCIETÀ BENEFIT
  • PHLOGAS & POWER SRL
  • PIEMONTE ENERGY SPA
  • POWER ENERGIA
  • REPOWER VENDITA ITALIA SPA
  • ROMA GAS & POWER S.P.A.
  • ROYAL GROUP SRL
  • SEA ENERGIA SPA
  • SERVIZI UNINDUSTRIA MULTIUTILITIES S.P.A.

Prodotti disponibili sul web

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento