Green San Martino Buon Albergo / località Mambrotta

Verona, parco di Pontoncello, si fa avanti Legambiente per la gestione dell'oasi verde di 3 Comuni

Progetto per garantire la tutela e la valorizzazione di un "polmone" anche in un’ottica turistica, soprattutto ora che è stato realizzato l’anello ciclopedonale da Bosco Buri a Zevio, passando da Mambrotta

Il futuro del parco di Pontoncello potrebbe presto delinearsi. Legambiente ha presentato ai Comuni di San Martino Buon Albergo, San Giovanni Lupatoto e Zevio, una proposta per la gestione dell’oasi verde. “Un progetto che la nostra amministrazione ha preso seriamente in considerazione per garantire la tutela e la valorizzazione di un polmone verde che il Comune ha sempre ritenuto strategico anche in un’ottica turistica, soprattutto ora che è stato realizzato l’anello ciclopedonale da Bosco Buri a Zevio, passando da Mambrotta”, sostiene il sindaco di San Martino Buon Albergo, Valerio Avesani. “In questi anni abbiamo sempre cercato di realizzare opere a misura di cittadino, creando aree di svago, con l’obiettivo di riqualificare il nostro paese che è stato a lungo stretto nella morsa dello sviluppo edilizio e urbanistico. La proposta di Legambiente va proprio nella direzione di restituire verde e quiete ai cittadini”.

L’assessore all’Ecologia Mauro Gaspari spiega che l’amministrazione sanmartinese è favorevole “a sostenere la progettualità presentataci da Legambiente perché potrebbe dare nuovo slancio al parco. Siamo in attesa di capire quali sono le posizioni dei Comuni di Zevio e San Giovanni Lupatoto, che in questo momento è il Comune capofila. Da parte nostra c’è la volontà di dare una decisa svolta alla gestione dell’oasi”. La proposta di Legambiente secondo Gaspari è interessante in quanto “si va verso la creazione di un vero e proprio parco e non solo di un’area verde fruibile per la popolazione”.

La Regione intanto ha approvato nei giorni scorsi la convenzione che consentirà di accedere al finanziamento del piano ambientale sottoscritto dai Comuni, nel quale vengono evidenziate le potenzialità del parco e vengono individuate le misure che contribuiranno a tutelare l’area verde. “L’obiettivo – continua Gaspari - è quello di valorizzare il parco coinvolgendo i cittadini, in particolare i giovani, con attività informative ed educative: lanceremo dei progetti per la formazione di percorsi storico-ambientali, in collaborazione con le scuole, così come già abbiamo fatto con il bosco della Fratta e il percorso della salute di Ferrazze”. Dopo aver ottenuto l’approvazione del piano ambientale, i Comuni sono in attesa del finanziamento regionale. Della questione è stato interessato anche il consigliere regionale di San Martino Buon Albergo, Bruno Cappon.

Negli ultimi mesi le amministrazioni hanno continuato a investire nella sistemazione del parco di Pontoncello, ottenendo inoltre da Enel la realizzazione di una passerella ciclopedonale sulla diga sull'Adige, che farà da collegamento tra le due sponde del fiume. “La richiesta era stata fatta dalle amministrazioni guidate da Avesani, Zerman e Lorenzoni e a breve l’intervento verrà realizzato. Per il parco sarà un volano importante nell’ottica turistica”. Il Comune di San Giovanni Lupatoto ha inoltre l’incarico di preparare la segnaletica interna al parco, tra cui bacheche informative, divieti e indicazione dei sentieri. “Il parco è a disposizione delle famiglie affinché possano godere di aree di svago, percorsi ciclopedonali e zone pic-nic – conclude Gaspari -, in una zona come quella dei paesi della cintura metropolitana ad Est di Verona, che è sempre stata conosciuta più che altro per le sue numerose imprese industriali e artigianali”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, parco di Pontoncello, si fa avanti Legambiente per la gestione dell'oasi verde di 3 Comuni

VeronaSera è in caricamento