menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto web

foto web

Verona, un'auto ogni 4 secondi un motorino ogni 2: la Ztl diventa "Zona a traffico motorizzato"?

I volontari degli "Amici della Bicicletta" riportano i dati in un giorno di lavoro, annotando tra le 7e30 e le 8e30 (dunque in assenza di finestre) i passaggi di tutti i mezzi in quattro degli otto varchi cittadini

Quanti veicoli accedono ogni giorno dai chiacchierati varchi della Ztl? Nel mese in cui in tutto il mondo si celebra il “Bike to work day” (la giornata “al lavoro in bici”), i volontari di Fiab Verona "Amici della Bicicletta" sono andati a verificarlo in una bella mattinata di sole di un giorno feriale, annotando tra le 7e30 e le 8e30 (dunque in assenza di finestre) i passaggi di auto, moto e biciclette in quattro degli otto varchi che delimitano la Zona a traffico limitato (Ponte della Vittoria, Ponte Nuovo, Ponte Garibaldi, Ponte Navi). La rilevazione è stata condotta Giovedì 22 Maggio.

I DATI - I risultati dovrebbero quanto meno far riflettere: anche in assenza di “finestre” (la prima comincia alle 10) quasi la metà degli accessi ai quattro varchi considerati è costituito da automobili (986 in numero assoluto), che sfrecciano al ritmo di 16 al minuto, una ogni 4 secondi circa. Considerando anche ciclomotori e motocicli (623 in valore assoluto, pari a circa il 30% del totale degli accessi) per i quali non è prevista alcuna limitazione, i mezzi motorizzati in entrata sono ben 1600 all'ora, uno ogni 2 secondi circa. Il restante 23% degli accessi è costituito da biciclette. In sostanza l’impressione di un osservatore è che non ci sono differenze sostanziali nel volume di traffico fra i varchi della Zona a traffico limitato e le vie adiacenti.

"Al di là di ogni possibile speculazione sulla regolarità dei transiti - spiegano da Fiab - ci domandiamo: è questa una Ztl che funziona e che risponde agli obbiettivi istituzionali per i quali è stata costituita (che, lo ricordiamo, sono: tutela del patrimonio storico e architettonico del centro, dei turisti e dei pedoni, riduzione della congestione e dell'inquinamento ecc...) oppure, vista la situazione, non sarebbe più onesto coniare una nuovo acronimo e chiamarla Zona a traffico motorizzato (Ztm)?"

Come le altre rilevazioni Fiab, anche questa "non ha nessun pretesa di scientificità o di valore statistico". L'omogeneità dei dati è tuttavia tale da consentire di azzardare una stima sull'affollamento del centro storico. Se per ogni varco accedono in media 250 automobili all'ora, in totale fanno 2mila auto all'ora. Tra le 7 e le 10 (prima che la finestra decreti il “liberi tutti” fino alle 13e30) c'è tempo perché ne entrino almeno 6mila.

“Non abbiamo contato quelle in uscita, ma è chiaro che la città non fa tempo a svegliarsi che è già invasa dalle automobili. Noi non vogliamo abolire l'automobile – spiega Giorgio Migliorini, presidente Fiab Verona – crediamo però che una città europea moderna ed efficiente dovrebbe offrire alternative vantaggiose che consentano di diminuire il traffico privato. Le migliori esperienze europee ci offrono un modello di spostamento cittadino ragionevole, fondato sull'obbiettivo di ripartizione modale del 20% a piedi, 20% in bici, 20% di trasporto pubblico, e solo il 40% col mezzo privato. Tante città e tanti Sindaci ci stanno provando, ma questo presuppone una scelta politica. Il Comune di Verona, che in merito possiede dati più precisi dei nostri, che cosa ne pensa?”.

In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento