Bacino Padano, deroga per il blocco degli Euro 4: era previsto per il 1° ottobre

«Le Regioni hanno anche stabilito che da subito venga istituita una task-force di tecnici per valutare interventi alternativi di mitigazione e la proroga anche successiva al gennaio», ha spiegato l'assessore Bottacin

Immagine generica

«La deroga per gli Euro 4 nasce da una mia proposta, accolta formalmente nel tavolo del Bacino Padano anche dalle altre Regioni il 30 luglio, dopo che nella riunione del Comitato di Indirizzo e Sorveglianza (CIS) del 9 luglio ne avevo già avanzato l’idea a province e capoluoghi veneti». A dirlo l’assessore regionale all’ambiente, Gianpaolo Bottacin, in relazione allo slittamento del divieto di circolazione per tale tipo di mezzi.

«L'11 agosto è convocata una nuova riunione del CIS. – spiega l’assessore – già da maggio noi rappresentanti delle Regioni del Bacino Padano stiamo lavorando sui dati del lockdown e sull'opportunità di un differimento del blocco degli Euro 4, che era previsto dall'accordo a far data dal 1 ottobre. Argomento sul quale avevo già avuto modo di informare i componenti del CIS in occasione della precedente riunione di luglio da me riunita».

Nel verbale, infatti, si legge che l'assessore "informa che tra le Regioni del Bacino Padano, con il coinvolgimento anche del Ministero, è in corso un confronto finalizzato a valutare il differimento di quanto previsto dall'accordo, in considerazione della difficile situazione economica che la popolazione deve sostenere, tanto più che evidenze scientifiche non dimostrano che il blocco degli Euro 4 diesel possa risolvere le criticità ambientali, oltre al fatto che, dal punto di vista sanitario, sarebbe irresponsabile spingere i cittadini a utilizzare i mezzi pubblici in un momento di emergenza pandemica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente le Regioni del Bacino Padano hanno concordato un differimento che in prima battuta è previsto, come minimo, al 1 gennaio. «Ma le Regioni hanno anche stabilito che da subito venga istituita una task-force di tecnici per valutare interventi alternativi di mitigazione – conclude l’assessore - e la proroga anche successiva al gennaio. Veneto e Piemonte, infatti, hanno chiesto fin da subito la proroga di un anno. Pertanto al CIS sarà confermato quanto detto il 9 luglio, vale a dire che le Regioni hanno già previsto il rinvio al 1 gennaio e, nel frattempo, stanno valutando il rinvio di un anno. Chiederemo, comunque, ai partecipanti di aderire al gruppo tecnico se lo ritengono opportuno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento