Esu e Cariverona: convenzione per 10 appartamenti per studenti a prezzo agevolato

«Oggi più che mai garantire spazi e strutture adeguate agli studenti significa consentire loro di vivere al meglio il percorso universitario, in sicurezza, in luoghi consoni e questo per noi è l’obiettivo primario», ha affermato Francesca Zivelonghi

Da sinistra Giacomo Marino, Alessandro Mazzucco e Francesca Zivelonghi

Il 2020 sarà un anno che lascerà il segno in tutti noi, a causa della pandemia che ha costretto aziende, privati e anche enti pubblici a ridefinire i confini e le modalità della propria attività. Anche ESU negli scorsi mesi si è trovata a far fronte a molteplici cambiamenti in tema di spazi universitari e condivisione di alloggi. E nonostante le linee guida consentano in buona sostanza il mantenimento, con alcune precauzioni, degli spazi esistenti precedentemente, l’esigenza di garantire un sempre maggiore numero di posti alloggio agli studenti è ancora più sentita ed emergenziale.

«È due anni che stiamo lavorando per trovare soluzioni e sono felice di vedere come una colonna portante della comunità veronese come Fondazione Cariverona abbia ascoltato il nostro appello e sia intervenuta in modo così proattivo in supporto al lavoro che stiamo facendo», ha affermato la Presidente di ESU Francesca Zivelonghi. Infatti giovedì, alla presenza del Magnifico Rettore, è stata presentata da ESU e Fondazione Cariverona una convenzione con cui l’azienda regionale affitta, a canone agevolato, dieci appartamenti di proprietà della Fondazione, siti negli immobili di via Santa Toscana e via Libera. È un passo importante nel percorso di condivisione che Fondazione Cariverona sta facendo nei confronti del mondo universitario e della città. «Oggi più che mai garantire spazi e strutture adeguate agli studenti significa consentire loro di vivere al meglio il percorso universitario, in sicurezza, in luoghi consoni e questo per noi è l’obiettivo primario. Inoltre – ha concluso Zivelonghi – non dimentichiamo il ruolo fondamentale che ESU e Università hanno nei confronti della città e del quartiere di Veronetta. Giovani e studenti stanno ridisegnando il volto di un territorio splendido che anche grazie alla presenza di queste importanti Istituzioni si sta riqualificando».

Gli appartamenti, 6 in via Santa Toscana e 4 in via Libera, verranno arredati in parte dalla Fondazione e in parte da ESU e comprendono un totale di 17 posti letto, che si vanno ad aggiungere ai 423 che già ESU mette a disposizione in 8 strutture dotate di ogni comfort.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Fondazione è molto interessata a contribuire allo sviluppo degli studi universitari e alla messa a disposizione di mezzi di sostegno utili a realizzare il raggiungimento di quelle finalità dalle quali il territorio potrà trovare sostegno e occasioni di sviluppo», ha illustrato il Presidente di Fondazione Cariverona Alessandro Mazzucco, evidenziando poi la metodologia operativa adottata. «Lavoriamo sul futuro, con responsabilità e concretezza, ed affrontare il tema abitativo per gli studenti, collaborando e dialogando con l’Università e l’ESU, ci garantisce di dare la giusta risposta, creando inoltre i presupposti per agire con strumenti di welfare innovativi che offrano la possibilità di integrare studenti universitari e cittadinanza». Il Magnifico Rettore ha poi affermato: «La situazione residenziale degli studenti è un aspetto rilevante del mondo universitario sotto molteplici aspetti che riguardano non solo il diritto allo studio in senso stretto ma anche l’interrelazione con il territorio ed il benessere degli studenti e delle loro famiglie. Ritengo che questo progetto di Fondazione ed Esu rappresenti un esempio virtuoso per dare sempre maggiore impulso alla convivenza tra studenti universitari e cittadini che risiedono nei quartieri in cui saranno messi a disposizione gli alloggi, favorendo uno stile di vita collaborativo e creando una rete di scambio, in termini di legami sociali e di sicurezza, tra singoli e collettività. La presenza delle studentesse e degli studenti sarà inoltre motivo di rivitalizzazione degli esercizi commerciali nei quartieri in cui saranno disponibili residenze ed alloggi a loro destinati o nei quali insiste la vita universitaria, come appunto Veronetta, “quartiere universitario” per eccellenza, le cui attività commerciali sono risultate molto compromesse dalla pandemia e dalla conseguente assenza di studenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Libri scolastici: come ordinarli ed averli a casa in sole 24 ore

  • Capienza aule al 50%, posti su prenotazione tramite App e mascherine: riparte l'università

  • Università di Verona pronta a ripartire: ancora aperte le iscrizioni

  • Università di Verona: nuovo master di lancio per una carriera internazionale

  • Tornano gli orari estesi per le biblioteche dell'Univr, ma restano le precauzioni Covid-19

  • Studenti e Makers scrivono al Ministro Azzolina: "Se nelle scuole della regione mascherine insufficienti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento