Webinar "I volti della migrazione tra percezione e realtà"

"I volti della migrazione tra percezione e realtà", se ne parla il 10 novembre, in un webinar: Africani? No, europei. Quasi tutti uomini? In realtà nella maggior parte dei casi si tratta di donne. Sono solo alcuni degli stereotipi, più che mai lontani dalla realtà, emersi dalla ricerca promossa da Progettomondo.mlal nell'ambito di un progetto di global education che ha interrogato i giovani europei tra i 16 e i 24 anni. Partendo da questo dato, che fotografa la distorta percezione dei giovani del fenomeno migratorio, domani, martedì 10 novembre, alle 9.30, verrà proposto un webinar promosso in sinergia con i sindacati di Verona, Cgil, Cisl e Uil, per riflettere su approcci, metodologie e azioni necessarie ad agire efficacemente con attività di advocacy sulla politica europea e italiana.

Il webinar si inserisce nell'ambito del progetto "Volti delle Migrazioni" della Focsiv, la federazione di organizzazioni cristiane di cui Progettomondo.mlal è socio, e per parteciparvi è sufficiente iscriversi al link https://forms.gle/R4N3QRs5PL8UZrSz9 o accedere all'evento tramite la pagina Facebook di Progettomondo.mlal. Secondo la ricerca, i giovani europei, soprattutto in Italia, sono convinti che il 42,4% degli stranieri arrivi dall'Africa del Nord, mentre il dato reale, da fonti Istat, è del 13% e il 50% dei migranti sono europei. Nell'87% dei casi la percezione è inoltre che a spostarsi siano prevalentemente gli uomini mentre quasi il 52% delle persone migranti sono donne. «In un primo momento della pandemia i migranti sono stati trasformati ancora una volta in capri espiatori, additati come untori», fa notare Stefano Pratesi, formatore esperto in gestione dei conflitti e diritti umani, che durante il webinar parlerà di come si costruisce una realtà virtuale e manipolata.

«Le categorie più fragili, del resto sono sempre le più esposte e la ricerca evidenzia il forte sbilanciamento tra percezione e realtà. Le motivazioni sono molte. Per esempio sul fatto che i giovani pensino che la maggior parte dei migranti siano africani influisce il colore della pelle, meno mimetico e che salta quindi più all'occhio, mentre si ritiene che ci siano molti più uomini perché le donne occupano meno posti pubblici e spesso hanno poche relazioni fuori dalle strette comunità». L'evento, che si doveva svolgere nella settimana contro il razzismo di marzo, è slittato a causa della pandemia e sarà introdotto da Gianni Cappellotto dell'ufficio educazione di Progettomondo.mlal.

Dopo i saluti dei segretari generali Cgil, Cisl e Uil di Verona, il ricercatore dell'Università di Milano, Nicola Rainisio, presenterà la ricerca parlando di giovani italiani ed europei "rappresentazione e realtà". A dicembre si terrà ulteriore appuntamento online per sviscerare concretamente le possibili azioni di intervento mirate ad abbattere stereotipi e false credenze.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Lazise tra le pagine", ospite la dj Ema Stokholma che presenta "Per il mio bene"

    • solo oggi
    • Gratis
    • 28 novembre 2020
    • Online
  • La settimana del business: webinar gratuiti riguardo il web marketing

    • Gratis
    • dal 25 al 28 novembre 2020
    • Evento Online

I più visti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • Visite guidate in streaming attraverso i musei civici di Verona tutti i sabati fino a dicembre

    • dal 21 novembre al 19 dicembre 2020
    • Vedi programma completo
  • Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne: un mese di eventi

    • Gratis
    • dal 13 novembre al 15 dicembre 2020
    • Vedi programma completo
  • "Visti da vicino, visti sul web": sono i musei civici di Verona nelle case dei cittadini

    • Gratis
    • dal 12 novembre al 3 dicembre 2020
    • Online
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento