menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I padiglioni della Fiera del Riso a Isola della Scala

I padiglioni della Fiera del Riso a Isola della Scala

Verona, quintali su quintali per migliaia di ghiottoni: a Isola la Fiera del riso chiude con 380mila risotti

Anche quest’anno l'Ente Fiera ha affidato le mansioni e i servizi essenziali nei padiglioni ad oltre 250 cittadini isolani, in buona parte studenti o disoccupati. Il “miglior risotto all’isolana della manifestazione” è andato alla riseria Riccò

Si è chiusa con il proverbiale "botto", domenica 12 ottobre, la 48esima edizione della "Fiera del Riso" di Isola della Scala. La manifestazione era cominciata il 17 settembre. I primi dati raccolti, a poche ore dal termine della manifestazione, rilevano all’incirca lo stesso numero di risotti (380mila) serviti nell’edizione 2013, quando però la Fiera era durata una settimana in più. In alcune giornate, come quella di domenica 28 settembre, quest’anno la Fiera ha fatto registrare quasi 30mila risotti serviti.

Un vero e proprio record è stato il numero delle associazioni di volontariato che hanno chiesto di partecipare alla manifestazione per promuovere le proprie iniziative. Tra queste anche alcune realtà nazionali come "Save The Children" e "San Patrignano". Un altro record per la Fiera ha riguardato le regioni presenti: tra concorsi ed eventi enogastronomici hanno partecipato chef provenienti dal Veneto, Piemonte, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Puglia, Sicilia e Marche. Ben 59 inoltre gli studenti dell’Enaip di Isola della Scala che hanno potuto fare esperienza in fiera, sia nelle cucine degli stand, sia nella sala ristorante allestita al Palarisitaly per ospitare i concorsi e il Top Show.

“Ho avuto la possibilità di toccare con mano quanto sia complessa l’organizzazione di questo evento – ha spiegato Luigi Mirandola, il nuovo amministratore unico dell’Ente Fiera insediatosi in primavera – e ho avuto il piacere di vedere una grande collaborazione tra Ente Fiera, il Comune, le associazioni locali, le contrade, le riserie, il Consorzio per la tutela della Igp, la Strada del Riso e le Forze dell’ordine. Tutti hanno lavorato assieme garantendo la qualità dell’organizzazione, la sicurezza, la partecipazione della comunità isolana e la bontà dei piatti serviti negli stand. Il bel tempo infine è stata la ciliegina sulla torta di una fiera ben riuscita”. Anche quest’anno Ente Fiera ha affidato le mansioni e i servizi essenziali nei padiglioni ad oltre 250 cittadini isolani, in buona parte studenti o disoccupati.

“Isola della Scala ha dimostrato ancora una volta il suo valore – ha affermato il sindaco Giovanni Miozzi. – Un evento così per un Comune come il nostro è impegnativo, ma le soddisfazioni sono tante. I risultati per le aziende e le molte famiglie che hanno potuto lavorare in fiera sono ancor più importanti perché ottenuti in un momento difficile”. La commissione di controllo della qualità dei piatti serviti durante la fiera ha assegnato anche il premio “Miglior risotto all’isolana della manifestazione”. A vincere è stata la riseria Riccò.

In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento