rotate-mobile
Eventi

Un dibattito tra teologi e credenti sulla religione

Un momento di confronto con il vescovo Giuseppe Zenti e psicologi di varie universit

Si terrà lunedì, nella sala Giovanni Paolo II del seminario vescovile, l’incontro “Perché Dio non resti straniero. Credenti e umanisti in dialogo nel Cortile dei Gentili”. Un momento di confronto su una questione, quella di Dio, che dopo essere stata chiusa negli anni sessanta e settanta, è tornata alla ribalta con una certa rinascita religiosa in Occidente.

Una riflessione che prende spunto dal libro “Un’anima per l’Europa. Colloqui su Dio, ateismo e dintorni” , ultimo lavoro del giornalista e scrittore veronese Lorenzo Fazzini, che parteciperà al dibattito moderato dall’inviato de il Giornale Stefano Filippi. Insieme a lui interverranno Adriana Cavarero, filosofa e docente all’università di Verona, e don Armando Matteo, teologo e professore all’università Urbaniana di Roma.


Il vescovo di Verona, monsignor Giuseppe Zenti, porterà con un saluto introduttivo. Un libro, quello di Fazzini, che si presta a molteplici riflessioni; sia per l’argomento quanto mai attuale sia per l’autorevolezza delle persone intervistate. Un viaggio che incontra, tra gli altri, il teologo tedesco Jürgen Moltmann, la psicoanalista francese Julia Kristeva, l’antropologo e cardinale Julien Ries, la stessa Adriana Cavarero, il critico letterario László Földény. Il libro di Fazzini si presenta come una serie di interviste a personalità della cultura e autorevoli rappresentanti dell’opinione pubblica d’Europa per provare a capire il ruolo delle religioni e del cristianesimo all’interno della vita del vecchio continente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un dibattito tra teologi e credenti sulla religione

VeronaSera è in caricamento