Studio la Città presenta la mostra "1 + 1" e gli acrilici del cinese Pu Jie

All’interno dello spazio dedicato alle nuove proposte, la città projects inaugura sabato 23 febbraio 2019 la mostra 1 + 1, dedicata agli acrilici del cinese Pu Jie. L’artista, nato a Shanghai, lavora all’interno di una ex fabbrica di tabacco nella nota zona artistica di Mogashan Road, un tempo sede della galleria Shanghart che lo adibiva abitualmente a residenza per artisti sconosciuti, divenuti ora estremamente rinomati, come Ding Yi, Zhou Thiehai e Wang Xingwei.

Concentrandosi sul contesto urbano della sua città, e sul suo rapidissimo sviluppo urbano, Pu Jie riporta sulla tela le gravi implicazioni sociali causate dalla distruzione a tabula rasa di interi quartieri. Nella sua pratica artistica, egli utilizza frammenti di memoria collettiva congiuntamente al alcune esperienze personali, per narrare attraverso le sue opere, il “modo di esistere” contemporaneo dei suoi connazionali, all’ombra del recente passato della Cina. I suoi dipinti di grandi dimensioni, sono domanati da intesi colori monocromatici e riportano immagini cariche di erotismo, propaganda politica e antichi miti.

La composizione non è regolata dalla classica prospettiva centrale e i soggetti principali dei suoi acrilici sono in realtà posti ad un livello inferiore, quasi a formare uno sfondo leggero per le figure in primo piano, solitamente dipinte con contorni forti e segni decisi. Questa giustapposizione di narrazioni e ricordi apparentemente contrastanti è il tema centrale dell’opera di Pu Jie che riporta nella sua ricerca, un’intima dualità personale, espressione della dicotomia di un’intera generazione: Pu Jie fin dalla tenera età, fu educato secondo gli ideali della rivoluzione proletaria, per apprendere e seguire, negli anni universitari, la visione cinese dell’economia di mercato. Il fatto che abbia vissuto personalmente in due epoche così diverse lo ha portato a sperimentare sulla sua pelle il paradosso della super potenza asiatica: la mia mano sinistra racchiude il passato, la destra il presente.

Da questo pensiero scaturisce la tecnica di sovrapposizione delle immagini, che l’artista definisce del “doppio angolo visivo”, una pratica che trae origine prima di tutto dalla sua esperienza di vita, piuttosto che dalla ricerca di una caratteristica stilistica originale. In Pu Jie lo scopo ultimo dell’arte, è innanzitutto quello di aiutare l’artista a rivelare sé stesso e quindi porre lo spettatore nella posizione di intuire realtà più profonde, ma senza mai percepirle in modo diretto, suggerendo una riflessione sul flusso di cambiamenti che si sono verificati nella società cinese degli ultimi decenni.

Periodo espositivo: 23 febbraio > 6 aprile 2019

Opening: sabato 23 febbraio ore 11:30

Sede: Studio la Città, Lungadige Galtarossa 21, 37133 Verona

Orari: da martedì a sabato, dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 September 2019 al 10 March 2024
    • Polo Santa Marta
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 December 2019 al 27 September 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • Riapertura della Galleria d'Arte Moderna con la mostra dedicata a Ugo Zannoni a Verona

    • dal 27 June 2020 al 31 January 2021
    • Galleria d’Arte Moderna Achille Forti

I più visti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 September 2019 al 10 March 2024
    • Polo Santa Marta
  • "Riscopriamo l’anfiteatro Arena", visite guidate gratuite per cittadini e turisti

    • dal 19 June al 20 September 2020
    • Arena di Verona
  • "Il Jazz sotto l’Arena", musica live nei plateatici dei ristoranti in piazza Bra a Verona

    • Gratis
    • dal 22 July al 31 August 2020
    • Vedi programma completo
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 December 2019 al 27 September 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    VeronaSera è in caricamento