rotate-mobile
Eventi

Saviano racconta la nostra Africa

Gioved 7 ottobre in Gran Guardia lo scrittore spiegher i rapporti fra malavita e immigrazione

L'Africa è un concetto. Non un continente. L'Africa può essere anche sotto casa, o appena si scende da un treno. Poi può succedere che questa Africa, figlia dell'immigrazione e dell'isolamento, tenti di rivoltarsi. Come a Castel Volturno, due anni fa, dove la richiesta di libertà e diritti civili è stata soffocata sotto le pallottole di sei o sette sicari della malavita. "Bisogna dare un'alternativa a questa gente - ha commentato lo scrittore Roberto Saviano - altrimenti si schiererà al fianco dei criminali. Bisogna permettere ai bimbi che nascono lì, e sono ormai centinaia i bambini africani castellani, di poter sperare di non far parte un giorno dell'esercito dei criminali nigeriani. Tutto ciò non lo consente lo Stato, non lo consentono neanche le associazioni".

L'autore di Gomorra sarà in piazza Bra giovedì 7 ottobre alle 21.00, in occasione della presentazione della fondazione Nigrizia onlus. Nell'auditorium della Gran Guardia leggerà la narrazione "Castel Volturno: Africa". Il biglietto, acquistabile alla biglietteria a partire da lunedì 4 ottobre dalle 15.30, sarà interamente devoluto alla “Casa del bambino“, un asilo e doposcuola per bambini figli di immigrati che i Comboniani hanno avviato a Castel Volturno nel 2004.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saviano racconta la nostra Africa

VeronaSera è in caricamento