Eventi Stadio / Via Sogare

Le vecchie glorie dell'Hellas in campo per dare un calcio al cancro al polmone

I campioni vincitori dello scudetto '84-'85, sfidano la nazionale della Fonicap (Forza Operativa nazionale Interdisciplinare con il cancro del polmone) sul terreno dello stadio Olivieri di via Sogare

Si disputerà sabato 10 ottobre alle ore 15, nello Stadio Olivieri di via Sogare a Verona, la Partita per la vita che vedrà contrapposti gli ex campioni dell’Hellas Verona vincitori dello scudetto '84-'85 alla nazionale della Fonicap, Forza Operativa nazionale Interdisciplinare con il cancro del polmone.
Martedì nella sede della Provincia di Verona il presidente Antonio Pastorello ha presentato l’evento benefico con ingresso a offerta libera che sosterrà la ricerca clinica spontanea sul cancro del polmone e la promozione del network Fonicap (www.fonicap.it) che si propone come riferimento per la diagnosi e cura delle neoplasie toraco-polmonari in ogni parte d’Italia, presente anche Andrea Sardelli, consigliere provinciale delegato allo Sport.
Tra le grandi glorie scaligere che parteciperanno all’evento Domenico Penzo, Sergio Guidotti, Domenico Volpati, Emiliano Mascetti, Luigi Sacchetti, Vincenzo Esposito, Antonio Terraciano, Vittorio Pusceddu, Lorenzo Pinamonte, Antonio De Vitis, Beniamino Vignola con la presenza del Mister Osvaldo Bagnoli.

"Oggi siamo qui a presentare la “Partita della Vita” assieme ad alcuni degli sportivi che, in passato, hanno dato tanto alla nostra città e continuano a farlo ancora oggi – ha detto Antonio Pastorello, presidente della Provincia -. I giovani hanno bisogno di esempi come loro, che negli anni si sono contraddistinti per i valori morali che hanno saputo dimostrare. Questi ex giocatori hanno deciso di scendere in campo per contribuire alla battaglia contro il tumore al polmone. Speriamo che la partita di sabato, oltre a raccogliere fondi, possa regalare un sorriso e un momento di spensieratezza alle persone affette da questa malattia".

"A me, come del resto a tutti i calciatori presenti sabato, fa molto piacere disputare questa partita – spiega Mister Bagnoli -, anzi, personalmente vorrei avere qualche anno in meno per poter scendere in campo in prima persona. Con la nostra associazione di ex calciatori del Verona ci occupiamo di solidarietà e puntiamo ad aiutare le persone attraverso il calcio, anche per questo non potevamo rifiutare l'invito del dottor Santo".

Il presidente nazionale Fonicap Antonio Santo, che è anche coordinatore responsabile del GIVOP - Gruppo Interdisciplinare Veronese di Oncologia Polmonare - presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, attualmente è impegnato in prima persona nel progetto di evoluzione della FONICAP in una “Federazione” a cui partecipano direttamente tutte le più importanti Società Scientifiche che si occupano a vario titolo delle neoplasie toraco-polmonari: solo la sistematica collaborazione tra i migliori professionisti delle varie branche specialistiche oncopneumologiche, con l’utilizzo ottimale delle nuove metodiche di cura e dei nuovi farmaci biologici, potrà migliorare la percentuale di pazienti guariti o lungosopravviventi.
"Tre sono gli obiettivi della Partita per la vita organizzata in collaborazione con l’associazione A.S.D. Ex calciatori Hellas Verona Onlus: passare un pomeriggio di sano divertimento, riabbracciare i beniamini dello storico scudetto '85 e dare una mano, con la vostra piccola offerta libera, alla ricerca spontanea sul cancro del polmone – spiega Antonio Santo, che in 25 anni di attività presso l’AOUI ha seguito circa 4.000 pazienti affetti da neoplasia polmonare -. Rispetto a solo pochi anni fa la situazione è molto cambiata e adesso possiamo veramente dare a molti pazienti non solo la speranza grazie a numerosi nuovi farmaci, ma anche gli strumenti per accedere subito alle strutture più qualificate evitando inutili e dannose perdite di tempo. Il network Fonicap è nato proprio per mettere in rete tutti i medici coinvolti nella diagnosi e cura del cancro al polmone, affinché i pazienti possano sapere in tempo reale a quale centro specializzato fare riferimento, oltre 50 in Italia, 7 in Veneto, Givop veronese compreso. Basta andare nel sito www.fonicap.it e si possono avere tutte queste informazioni comprese le testimonianze dei pazienti. Ogni anno sono quasi 40mila le nuove diagnosi per questo c’è bisogno di tanto aiuto sia scientifico che solidale. Grazie a tutti coloro che vorranno sostenerci e che verranno alla sfida di sabato».

Tra i calciatori della squadra avversaria una citazione a parte merita il capitano onorario della nazionale Fonicap, Vladimiro Basilio, fotografo 48enne da anni seguito dal Givop, che combatte contro la malattia con grinta ed è quindi testimonial di speranza per altri pazienti: "Mi sono trasferito da Milano a Verona per essere seguito da Antonio Santo e dal Givop perché questo specifico gruppo di sanitari garantisce una copertura totale delle diverse professionalità coinvolte nella cura della malattia, oltretutto, ci tengo a sottolinearlo, in maniera completamente gratuita per il paziente. I risultati positivi oggi ci sono e vanno incrementati con la ricerca: tutti noi possiamo fare qualcosa sabato dando una piccola offerta alla Fonicap".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le vecchie glorie dell'Hellas in campo per dare un calcio al cancro al polmone

VeronaSera è in caricamento