Nadia Hashimi, la scrittrice afghana che fa sognare l'America ospite a Sommacampagna

Il Centro per la Pace di Bolzano porta a Verona la scrittrice Nadia Hashimi. Khaled Hosseini, il celebre scrittore de "Il cacciatore di aquiloni" la considera una delle scrittrici più promettenti del nostro tempo. Il suo libro d'esordio "Due splendici destini" è stato un successo di pubblico, tanto che i grandi giornali americani l'hanno elogiato come un capolavoro. Da allora, Nadia Hashimi, ha continuato a scrivere ininterrottamente e ora la Piemme sta pubblicando tutti i suoi romanzi. Da poche settimane è uscito anche il terzo libro "La figlia del'arcobaleno" successivo a "Anche la notte è più luminosa".

E sta per uscire il quarto. Nadia Hashimi sarà a Bolzano, con il Centro per la pace, il 24 giugno alle ore 18.30 presso l'agriturismo nicobresaola in Corte Cavalchina a Custoza di Sommacampagna per raccontare i destini delle bambine e delle donne afghane che anelano alla libertà a alla pace in un contesto sottoposto a una terribile violenza del sistema, che impone alle ragazze le regole rigide del fondamentalismo come i matrimoni coatti e la riduzione della donna a oggetto di proprietà el maschio. Donne che si emancipano e che tentano, con coraggio, di ribellatrsi alla sopraffazione.

Nel libro "Due splendidi destini" la Hashimi narra proprio questo mondo, ossia la vicenda di Rahima, una bambina fortunata: perché, essendo la più piccola di quattro sorelle, secondo un'antica usanza afghana, si vestirà da maschio, e di un maschio avrà tutta la meravigliosa libertà di correre, giocare, andare a scuola. Ma solo finché non raggiungerà l'età da marito: allora, tornerà nella stessa ombra in cui vivono le sorelle e la madre. C'è una sola donna, nella sua famiglia, che può capire la sua disperazione: è la zia Shaima, la zia zitella che tutti compiangono. Sarà lei a raccontare a Rahima la storia di un'altra donna della loro famiglia, Bibi Shekiba. La bisnonna bellissima, ma col viso deturpato dall'olio bollente, che visse una vita ribelle e anticonformista, non accettando mai il compromesso. La storia coraggiosa della sua antenata spingerà anche Rahima - nonostante venga data in sposa contro la sua volontà - a non perdere la speranza, e a lottare perché anche il suo destino possa essere, un giorno, splendido e luminoso come fu quello della bisnonna. Nadia Hashimi è nata a New York da genitori afghani, emigrati in America nei primi anni Settanta, ed è cresciuta circondata da una numerosa famiglia che ha tenuto viva la cultura del paese d'origine. Nadia oggi vive in Maryland con il marito e due figli, e di professione fa la pediatra. Ha esordito con il romanzo Due splendidi destini (Piemme, 2015), che è stato un successo del passaparola, elogiato tra gli altri anche da Khaled Hosseini. Quando la notte è più luminosa è il suo secondo romanzo, accolto con uguale entusiasmo dai suoi numerosi lettori.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • A Verona il ciclo d'incontri "Storia dell'Arte Contemporanea dagli anni Sessanta a oggi"

    • dal 31 marzo al 19 maggio 2021
    • Online
  • Università di Verona: "Its dark materials", incontri/confronti sull’arte contemporanea

    • Gratis
    • dal 15 aprile al 27 maggio 2021
    • Online

I più visti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • "Lavatoi, busi e...sparasine", escursione guidata tra gli angoli suggestivi di Avesa

    • solo domani
    • 18 aprile 2021
    • Appuntamento in Via Messer Ottonello, dietro la Chiesa di San Martino ad Avesa
  • Alla Galleria d'Arte Moderna la mostra dedicata a Ugo Zannoni a Verona

    • dal 2 febbraio al 31 dicembre 2021
    • Galleria d’Arte Moderna Achille Forti
  • A San Zeno c'è aria di primavera con l'edizione speciale di Verona Antiquaria

    • solo domani
    • Gratis
    • 18 aprile 2021
    • Piazza San Zeno
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VeronaSera è in caricamento