Isolo 17 Gallery a Verona ospita la mostra "Cronache imprevedibili" di Yohy Suarez

Inaugura sabato 8 febbraio alle ore 18 presso Isolo 17 Gallery a Verona la mostra "Cronache imprevedibili" dell'artista Yohy Suarez, per la prima volta in Italia. L'esposizione, visibile fino al 22 febbraio 2020, presenta una serie di lavori recenti, divisibili principalmente in due tipologie: i grandi formati con scenografie di interni o esterni sullo sfondo, invase da innumerevoli figure umane o della tradizione e i piccoli formati con personaggi religiosi.

La forza del disegno, gli spazi scenografici, un colore sporco che ricorda la terra e i personaggi senza tempo e onore, sono alcuni dei principali elementi che contraddistinguono le opere di Yohy Suarez. L’artista presenta a Isolo 17 Gallery, una serie di lavori divisibili principalmente in due tipologie: i grandi formati con scenografie di interni o esterni sullo sfondo, invase da innumerevoli figure umane o della tradizione e i piccoli formati con personaggi religiosi, dissacrati da ogni santità.

L’abilità tecnica nel disegno e l’armonia degli spazi architettonici, quasi fossero scenografie, si scontrano con le rappresentazioni umane, figure talvolta inquiete e perverse. La volontà espressiva è quella di creare immagini chiare ma non pulite, come se un velo di impurità offuscasse i dipinti. I suoi toni color seppia, ottenuti da una miscela di pittura e caffè, ricordano le cartoline antiche, segnate dal passare del tempo. L'Avana e la sua memoria storica sono infatti una cornice sfuocata e in parte cancellata, come se uno strato di nebbia e smog rendesse l’immagine poco nitida. Le figure animate in primo piano, inserite in queste ambientazioni d’altri tempi, rendono viva e movimentata la rappresentazione. Il pellegrinaggio della massa umana attraverso una città del passato aggiunge valore a ciascuno dei suoi siti e spolvera una memoria addormentata. Sceglie come luoghi rappresentativi anche gli interni di importanti cinema e teatri dell'epoca.

Suarez chiarisce questi punti di vista con grande astuzia: «cerco di immaginare quali potrebbero essere state alcune notizie in passato, come se fossi una specie di cronista; ero lì e l'ho documentato, non ci sono testimonianze, nessun altro l'ha visto, ho avuto quella fortuna». Ciò che potrebbe sembrare unicamente espressione poetica è invece un'interpretazione fedele della sensibilità della nostra epoca, distorta da ogni virtù e visione fantasiosa di un’artista che si finge cronista e osserva con occhi surreali e inquietanti.

Nell’umanità sono concentrati i dettagli più espressivi della sua opera, le figure sono spesso frontali e quindi si confrontano con l’osservatore e lo stimolano. Talvolta comunicano sofferenza, altre hanno un atteggiamento neutro, quasi facessero parte di uno strano rituale. Emblemi dell’uomo contemporaneo e della stratificazione culturale che lo precede: dalla religione, al mito, dalla sessualità, al senso di colpa. La figurazione cristiana è spesso presente ma non mancano ambientazioni mondane, di strada o eventi imprevedibili e fuori dal comune. Nei suoi quadri il folle appare come un fratello liberato, una presenza senza regole e preoccupazioni, in dialogo con il fruitore, spesso alienato dentro la conformità della propria vita. Un gioco di specchi che confonde e illude, spingendo ad immedesimarsi in tale pazzia e inquietudine.

Francisco Goya, in un suo scritto sostiene che «La fantasia priva della ragione genera impossibili mostri: unita alla ragione è madre delle arti e origine di meraviglie». Suarez lascia fluire la fantasia, dimentica la ragione per poi riconciliare questi aspetti e raccontare mondi nuovi.

Yohy Suarez, nato all’Avana a Cuba nel 1989, con esposizioni in numerose gallerie e realtà culturali cubane. Tra queste: El Yohy. Galería San Alejandro, Avana, Cuba, 2010; Bailan y Seducen, Casa museo Simón Bolívar, XVII Festival Internacional de Danza en Paisajes Urbanos, Ciudad en movimiento, Avana, Cuba, 2012;- La Gran Barricada, Galería 7 y 22, Avana, Cuba, 2017.

Informazioni e contatti

Web: https://www.facebook.com/isolo17/

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • "Visti da vicino...visti sul web", sono i musei civici di Verona nei giorni del coronavirus

    • Gratis
    • dal 19 marzo al 31 maggio 2020
    • Online
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano

I più visti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • Giardino Giusti a Verona riapre ai visitatori con una bellissima novità davvero da non perdere

    • dal 9 al 31 maggio 2020
    • Giardino Giusti
  • "Visti da vicino...visti sul web", sono i musei civici di Verona nei giorni del coronavirus

    • Gratis
    • dal 19 marzo al 31 maggio 2020
    • Online
  • Alla scoperta di Verona archeologica sui canali social

    • Gratis
    • dal 4 al 31 maggio 2020
    • Online
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento