Presso Studio la Città la personale dell’artista americana Tracey Snelling

A partire da sabato 23 febbraio 2019, Studio la Città ospita la personale dell’americana Tracey Snelling dove, accanto alla grande installazione: Tenement Rising, già esposta con successo nella mostra No place like home, l’artista propone una serie di opere “sociologiche”, ricreando su scala ridotta, ambienti ed edifici provenienti dalla sua esperienza personale, al limite del voyeurismo.

Attraverso l’uso della scultura, il video e l’installazione, Tracey Snelling fornisce la sua personale impressione di un luogo, delle persone che lo abitano e della sua esperienza. Spesso, l’immagine fotografica inserita all’interno delle sue opere, si distingue dalla vita reale che si svolge all’interno degli edifici generando un senso di mistero. Il lavoro dell’artista, che spesso trae ispirazione dai film noir, vuole creare un senso di curiosità: chi ci vive? Che cosa stanno facendo le persone all’interno delle abitazioni? Queste domande trasportano l’osservatore nel regno della narrazione.

Utilizzando i video, gli audio e i modellini in scala, l’artista non cerca di replicare un luogo, piuttosto cerca di indagare l’ambiente stesso permettendo, a chi osserva, di estrapolare dall’opera il proprio intimo e personale significato. Sono degli spaccati sociologici quelli della Snelling, che ricrea nelle sue sculture a parete, situazioni a volte paradossali, altre di denuncia (molto spesso della situazione non paritaria delle donne), sempre sullo sfondo di un’ambientazione familiare per l’artista: in MIS Döner Kebap è rappresentata la strada dove Tracey viveva a Kreuzberg, un quartiere di Berlino, in Green Bar invece, altra opera presente in mostra, la location non è reale ma, piuttosto, una ricostruzione tratta da ricordi mixati assieme dei tipici locali della capitale tedesca, frequentati dall’artista.

Accanto a queste, Rainy Night, opera originariamente creata per la mostra The Storytellers, tenutasi nel 2013 allo Stenerset Museet di Oslo, fa riferimento al poema As One in the Rain di Octavio Paz, proiettando stralci dell’omonimo film e, in particolare, le scene di nudo della modella, musa dello scrittore. Tra i nuovi lavori esposti, merita un approfondimento l’opera titolata Serial Killer Room, Fantasy Mirror Room, Club: nella stanza riecheggia la voce di “Buffalo Bill”, tratta dal film Silence of the Lambs, da cui si evince come, anche i quartieri più chic possano essere abitati da un’umanità con molti scheletri nell’armadio. Qui infatti, i protagonisti di queste piccole architetture abitate (un serial killer e un predicatore cristiano misogino che non concede alle donne il diritto di parola durante le funzioni religiose), celano segreti inquietanti e narrano il disagio nascosto dal finto perbenismo borghese.

Periodo espositivo: 23 febbraio > 13 aprile 2019

Opening: sabato 23 febbraio ore 11:30

Sede: Studio la Città, Lungadige Galtarossa 21, 37133 Verona

Orari: da martedì a sabato, dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • Riapertura della Galleria d'Arte Moderna con la mostra dedicata a Ugo Zannoni a Verona

    • dal 27 giugno 2020 al 31 gennaio 2021
    • Galleria d’Arte Moderna Achille Forti

I più visti

  • Oltre sessanta giorni di eventi a Verona per la prima edizione del "MuraFestival"

    • Gratis
    • dal 31 agosto al 31 ottobre 2020
    • Bastione di San Bernardino
  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • Le Arche Scaligere riaperte a Verona: quando e come visitarle, ingresso a 1 euro

    • dal 1 agosto al 30 settembre 2020
    • Arche Scaligere
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    VeronaSera è in caricamento