rotate-mobile
Eventi

La Compagnia Impiria "sogna l'assoluto"

In scena la storia del pittore futurista Albino Siviero

Prosegue a Sommacampagna la Rassegna estiva MusicaTeatroDanza2009. Domani, alle ore 21.15 in Villa Venier, si esibirà la Compagnia Teatro Impiria di Verona, che presenterà lo spettacolo “Sognavamo di vivere nell'Assoluto”, ovvero la storia del pittore futurista Albino Siviero, detto Verossì, tratto dal testo di Raffaello Canteri, per l’interpretazione di Sergio Bonometti e la regia di Andrea Castelletti. È la storia di un gruppo di giovani artisti veronesi, che negli anni Trenta cercarono nuove frontiere nella pittura, nella musica, nella scultura e nella letteratura, aderendo con entusiasmo al movimento futurista. Sognarono di cambiare il mondo attraverso l’arte. Il dramma ruota in modo particolare intorno alla figura di un pittore, Albino Siviero - ribattezzato Verossì da Marinetti - che condivise l’ideale futurista e morì tragicamente, ucciso da un tedesco in ritirata, a Cerro Veronese il 26 aprile 1945, il giorno dopo la liberazione. Lo spettacolo è un’opera di forti passioni - l’amore, la morte, la volontà di azzerare il passato per costruire un radioso futuro - collocate storicamente nell’ambito di un tempo sconvolto dal fascismo e culminante nella tragedia della seconda Guerra Mondiale, che finisce per travolgere i sogni e la vita degli stessi protagonisti. È uno spettacolo che parte dalle istanze spettacolari futuriste per evolvere in qualcosa di innovativo, ma con l’intento saldo di saper emozionare e toccare il cuore della gente comune! Al centro dello spettacolo c’è l’uomo Albino Siviero, con i suoi sogni, i suoi ardori e fragilità, le sue delusioni e tutto il suo dolore per morire all’alba di un’epoca nuova. Luci, ombre, suoni, rumori, colori si mescolano alla parola ed al gesto, in uno spazio indefinito da cui il trapassato Verossì - come un angelo - racconta la sua vicenda tra riproduzioni di filmati e brani dell’epoca e videoproiezioni di opere d’arte futuriste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Compagnia Impiria "sogna l'assoluto"

VeronaSera è in caricamento