menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I Tesori Veronesi ricorda le gesta di Napoleone

I Tesori Veronesi ricorda le gesta di Napoleone

I Tesori Veronesi ricorda le gesta di Napoleone

La quinta tappa della manifestazione sar ad Arcole per il bicentenario dell'obelisco

"I tesori veronesi" fa tappa ad Arcole per la celebrazione del bicentenario dell'obelisco napoleonico. L'appuntamento è stato presentato oggi, al Palazzo Scaligero, dall’assessore alla Cultura e Beni Ambientali Marco Ambrosini. Si tratta delle quinta tappa dell’iniziativa “I tesori veronesi”, che si svolgerà il 2 e 3 ottobre, nell'ambito della manifestazione dal titolo: “Alle radici di un impero: la battaglia di Arcole”. La manifestazione, voluta e sostenuta dall’assessorato ai Beni Ambientali, è stata realizzata grazie al supporto operativo della società Provincia di Verona Turismo e alla collaborazione con il dipartimento di Discipline Storiche Artistiche, Archeologiche e Geografiche dell’Università degli Studi di Verona.

Erano presenti: l'assessore alla Cultura del Comune di Arcole Alessandro Ceretta; il docente di geografia presso il Dipartimento di Discipline Storiche Artistiche, Archeologiche e Geografiche dell'Università di Verona Silvino Salgaro; il rappresentante del Teatro Stabile di Verona Michele Ghionna; lo storico locale Ernesto Santi.

Questo appuntamento, dedicato ad Arcole e al personaggio storico di Napoleone Bonaparte, comincia sabato 2 ottobre con le visite naturalistiche e storico-monumentali dedicate alle scuole. Nel pomeriggio vi saranno i percorsi naturalistici sulle rive dell’Alpone, alla scoperta dei paesaggi che furono scenari della storica battaglia di Arcole e le visite ai monumenti significativi del paese: il museo e l’obelisco napoleonico, l’Arco dei Croati, piazza Poggi. Sabato sera anche l’evento culturale sarà dedicato alla battaglia di Arcole, a Verona e a Napoleone: “Nela qual battaglia acidente”, un racconto di musica e parole a cura del Teatro Stabile di Verona.

Domenica 3 ottobre alle 11 vi sarà l’inaugurazione della mostra dedicata al bicentenario dell’obelisco napoleonico di Arcole, mentre nel pomeriggio riprenderanno le visite guidate fino alle 17.00 con percorsi naturalistici semplici per principianti e più complessi per gli esperti e appassionati. Anche questo appuntamento è stato preceduto da una serata introduttiva a cura dell’Università di Verona, Dipartimento di Discipline Storiche Artistiche, Archeologiche e Geografiche, tenutasi il 17 settembre nella Sala Civica del Comune di Arcole. L’iniziativa “I Tesori Veronesi” è libera e gratuita, l’unico costo aggiuntivo sarà il servizio bus dedicato con partenza da Verona alle ore 14, al costo di tre euro.

Questa è la penultima delle sei tappe, suddivise per ogni zona della provincia veronese e dedicate a percorsi storico-artistici, architettonici, culturali e naturalistici che uniscono la bellezza delle escursioni e delle passeggiate in montagna de “I Tesori del Baldo e della Lessinia” alle visite guidate e gratuite di interesse storico, artistico, architettonico de “I Tesori Sconosciuti”. Oltre a questo, si aggiungono alla nuova iniziativa momenti di aggregazione e interesse culturale quali: concerti, spettacoli teatrali e di intrattenimento. Ne risulta un connubio tra natura, beni ambientali e cultura, un’iniziativa fresca e rinnovata nei percorsi e nell’organizzazione, che con equilibrio si distribuisce nelle sei aree territoriali della provincia veronese.


L’iniziativa, tra le sue finalità, offre ai giovani laureti la possibilità di provare sul campo le loro conoscenze e creare un contatto diretto con il mondo del lavoro: un gruppo designato dall’università segue la parte culturale del progetto in collaborazione con gli storici locali e gli esperti del territorio per produrre i testi informativi da inserire nei depliant esplicativi delle singole tappe. Inoltre lo stesso gruppo, nella serata introduttiva che precede le varie tappe, illustra il patrimonio architettonico e naturalistico del territorio interessato e si occupa di accogliere i partecipanti alle visite pomeridiane del sabato e della domenica, intrattenendoli con curiosità e aneddoti sui vari luoghi oggetto della visita. Si rappresenta così un modo per dare ai neolaureati la possibilità di interagire direttamente con il territorio mettendo in gioco le capacità e le conoscenze apprese nel percorso di studi. Per chi desidera vi è inoltre la possibilità di partecipare all’evento culturale serale con un bus dedicato. La spesa del servizio è di 18 euro e comprende: il servizio di trasporto, la cena presso un ristorante della zona e l’evento culturale serale. La prossima tappa dell’iniziativa si svolgerà il 23 e 24 ottobre a Verona, con il titolo “Verona tra le rime del Barbarani”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento