Al via a Verona la XII edizione di "Face’ Arts"

Una collettiva di opere provenienti da tutto il Mondo per promuovere l’arte contemporanea e talenti nascosti. Fa tappa a Verona "Face’Arts", la manifestazione itinerante giunta all’XII edizione. Dal 7 al 19 giugno saranno esposte le opere di 15 artisti provenienti da tutta Italia, ma anche dall’estero (come Germania, Austria, Messico ed Irlanda). Pittura, scultura, fotografia, istallazioni, performance live saranno le arti ospitate alla chiesa “San Pietro Incarnario” (piazzetta San Pietro Incarnario, Verona). 

Il vernissage è previsto per il 7 giugno alle 18.00. Interverranno l’ideatrice e curatrice della collettiva Mary Sperti, il presidente della Società Belle Arti di Verona, Gianni Lolli, il critico d’arte Vittorio Raschetti, ed il musicista Claudio Sax che si esibirà in una sua performance. La manifestazione è patrocinata dalla Provincia di Verona, dal Comune di Verona e dalla Società Belle Arti di Verona (Sbav).

«Face’ Arts è sempre alla ricerca di talenti nascosti, per promuovere l’arte contemporanea – sottolinea Mary Sperti -. L’ evento è finalizzato alla promozione e valorizzazione delle opere e degli autori, con l’intento di creare un contenitore mobile dove si intrecciano pittura, scultura, fotografia e spesso anche danza, letteratura, performance live e installazioni. Proprio per questo, Face’Arts è un avvenimento totale e totalizzante. Si tiene ogni volta in una regione d’Italia diversa, all’interno di location suggestive e di prestigio».

«Tra gli obiettivi di Face’Arts  – aggiunge Mary Sperti – c’è anche quello di  promuovere artisti selezionati e fornire ai fruitori e collezionisti d’arte, una scelta accurata di opere. Pur essendo una collettiva, Face’ Arts  raccoglie espressioni artistiche contemporanee sempre originali, di spessore, in grado di emozionare. Anche i collezionisti hanno confermato di visitare le esposizioni di Face’ Arts, certi di trovare una vasta gamma di opere sorprendenti e di buona fattura. Non solo. L’obiettivo del progetto è unire e valorizzare tutte le forme di arte e cultura sostenendo e promuovendo artisti di qualità, ma anche le città e le location che ospitano l’evento».

«Siamo lieti di accogliere nuovamente per la seconda volta Face’Arts all’interno della Società Belle arti di Verona, progetto rilevante a livello artistico e culturale in tutta Italia - dichiara Gianni Lollis, presidente Sbav  - La collettiva racchiude opere molto interessanti di artisti emergenti, espressione dell’arte contemporanea italiana e straniera. L’evento è ben organizzato e certamente darà lustro alla città di Verona e al ruolo dell’arte contemporanea in Italia».

Tra le città che hanno ospitato Face’Art nelle edizioni precedenti c’è stata Matera (all’ex ospedale San Rocco curato e gestito dalla Soprintendenza delle Belle Arti), Verona (nella chiesa San Pietro nel monastero della “Società Belle Arti”), Merano (nella splendida location del Kuraus), Bologna (Galleria Farini), Sanremo (Forte Santa Tecla), Senigallia (Rocca Roveresca, gestita dal Polo Museale delle Marche), ma anche Conversano, Pesaro, Jesi, Lecce e Ascoli Piceno (Forte Malatesta).

Nell’edizione di Verona saranno esposte le opere di quindici artisti, otto italiani e sette stranieri, provenienti dal’Austria, Germania, Irlanda e Messico: Doris Bartsch (Austria), Gudrun Dorsch (Germania), Nadia Buroni (Lombardia), Fabio D’Agostino (Lombardia), Ornella De Rosa (Lombardia), Andrea Dubbini, (Marche), Fabio Falcioni (Marche), Laura Ford (Irlanda), Angela Iandelli (Toscana), Angelo Melaranci (Marche), Mikes Walter (Austria), Ivan Cristobal Rojas Roa (Messico), Patricio Rojas Roa (Messico), Moira Linda Toussaint (Lombardia), Inge Suck Bruckmuhl (Germania), e l’ospite della mostra Claudio Sax (Milano).

Tra le opere in mostra a Verona di particolare rilievo sono le opere di Ivan Cristobal Rojas Roa, artista messicano poliedrico, pittore e scultore, scomparso nel maggio scorso (nella foto in allegato,  con Mary Sperti), che ha partecipato a molte delle precedenti edizioni della manifestazione itinerante.

«Face’Arts – conclude Sperti - è prodotto da Ms eventi che si propone di progettare e organizzare manifestazioni, fornendo spazio idoneo alle esigenze degli artisti, occupandoci anche delle pratiche burocratiche, della programmazione e della consulenza amministrativa, dell’allestimento della mostra, della divulgazione dell’evento attraverso l’ufficio stampa, e della promozione anche grazie al catalogo che racchiude le opere degli artisti e la loro biografia, realizzato dal nostro grafico».

Durante il vernissage sarà presentato il catalogo “Facè Arts Verona 2019”  in cui sono inserite le opere presenti in mostra. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Romeo&Juliet experience: visita guidata alla mostra

    • dal 2 gennaio al 16 dicembre 2019
    • Centro Storico di Verona
  • "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky" in mostra alla Gran Guardia

    • dal 16 novembre 2019 al 5 aprile 2020
    • Palazzo della Gran Guardia
  • I caveau dei grandi musei italiani fotografati da Mauro Fiorese in mostra alla Gam di Verona

    • dal 5 aprile 2019 al 26 gennaio 2020
    • Galleria d’Arte Moderna Achille Forti

I più visti

  • Romeo&Juliet experience: visita guidata alla mostra

    • dal 2 gennaio al 16 dicembre 2019
    • Centro Storico di Verona
  • Artigianato e specialità enogastronomiche: a Verona i fantastici Mercatini di Natale 2019

    • Gratis
    • dal 15 novembre al 26 dicembre 2019
    • Piazza dei Signori, Cortile Mercato Vecchio, Via della Costa, Piazza Indipendenza, Piazza Viviani, Lungadige San Giorgio, Ponte Pietra, Ponte Scaligero di Castelvecchio e Piazza San Zeno
  • "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky" in mostra alla Gran Guardia

    • dal 16 novembre 2019 al 5 aprile 2020
    • Palazzo della Gran Guardia
  • Colori, suoni e sapori natalizi a Lazise per lo splendido Mercatino di Natale

    • Gratis
    • dal 23 novembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Piazza Vittorio Emanuele
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento