Venerdì, 6 Agosto 2021
Eventi

Dal Comune un aiuto per chi ha perso il lavoro

L'amministrazione di San Giovanni Lupatoto avvia lo Sportello di orientamento rivolto agli adulti

Dal Comune un aiuto per chi ha perso il lavoro
E’ sempre più insistente l’azione dell’amministrazione comunale di San Giovani Lupatoto tesa ad aiutare sia i capifamiglia – uomini e donne - lupatotini che hanno perso o potrebbero perdere il posto di lavoro, agevolandone il reinserimento lavorativo, sia giovani alla ricerca del primo impiego. Tanto che è stato attivato in questi giorni un nuovo servizio, denominato Sportello orientamento lavoro, rivolto agli adulti per valorizzarne le esperienze acquisite nelle occupazioni precedenti o in corso. Lo Sportello orientamento lavoro è aperto ogni giovedì dalle 9 alle 12 presso Casa Novarini.

Una volta compilata un breve scheda d’accoglienza, utile a tracciare il percorso formativo e professionale dell’utente, è possibile fissare degli incontri individuali per ricevere informazioni e ottenere strumenti concreti per la ricerca di un nuovo lavoro. “All’ufficio Informagiovani di San Giovanni Lupatoto – solitamente destinato ai ragazzi fino a 30 anni di età a cui molte ditte si rivolgono per selezionare nuovi eventuali dipendenti – si affidano già da tempo molti capifamiglia: 80 dei 200 utenti hanno più di 30 anni di età. L’81 per cento sono italiani, il 19 per cento stranieri”, spiega l’assessore alle Politiche giovanili di San Giovanni Lupatoto Gino Fiocco che si occupa dell’Informagiovani, “Verificato che il numero di adulti interessato all’Informagiovani continua ad aumentare, l’amministrazione comunale, con il sostegno della Provincia, ha aperto lo Sportello orientamento lavoro”.

“Lo Sportello orientamento lavoro assiste gratuitamente i lavoratori e non pratica alcuna selezione del personale da indirizzare alle aziende, ma, al contrario, insegna a tutti, a cominciare dai capifamiglia, in che modo preparare il curriculum vitae più appropriato o quali risposte dare durante i colloqui di lavoro”, aggiunge Fiocco, “Le ditte scartano un’alta percentuale di potenziali lavoratori proprio per l’incapacità di questi ultimi di presentarsi in modo adeguato”.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Comune un aiuto per chi ha perso il lavoro

VeronaSera è in caricamento