rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cultura Rigaste Redentore, 2

Al Teatro Romano il destino artistico di Vinicio Capossela per un omaggio alla bellezza

Con "La Forza del destino - Odissea musicale di Vinicio Capossela" l'artista torna a esplorare le sue origini, interpretando le canzoni più significative del suo repertorio con un cast d'eccezione

Vinicio Capossela cantore della Bellezza. Sabato 3 giugno al Teatro Romano il grande poeta in musica propone un concerto speciale omaggio alla bellezza e a Verona in cui ripercorre il proprio itinerario artistico intrecciando la visionarietà poetica di sue memorabili canzoni con riferimenti a melodie classiche e arie d’opera.

Un evento unico, occasione per ascoltare le sue canzoni più belle in un itinerario-spettacolo di grande suggestione, in cui un po’ Ulisse e un po’ Achab Capossela racconta la sua Odissea artistica fondendo come nel suo stile atmosfere crepuscolari, sonorità fragorose, pantomime circensi e ritmi mediterranei. Con “La Forza del destino – Odissea musicale di Vinicio Capossela” l’artista torna a esplorare le sue origini, interpretando le canzoni più significative del suo repertorio con un cast d’eccezione, da All’una e trentacinque circa a Ovunque proteggi va in scena la rotta di un cuore a manovella verso un’Itaca da oltrepassare, tra stupori e meraviglie.

“Le mie canzoni sono intervallate da una narrazione che ripercorre la mia piccola Odissea personale, con canzoni, arie e peripezie, dagli inizi a Marinai, profeti e balene, l’album in cui più evidente è la presenza delle avventure acquatiche e dell’immaginario marino. Alla maniera del coro delle tragedie greche, il coro verdiano fa da contrappunto al racconto, in un crescendo che porta a suonare le ultime canzoni con pianoforte, harmonium e coro”.

I biglietti sono disponibili presso il Verona Box Office e sui circuiti Geticket e Ticketone, online su www.ticketone.it.

L’evento è ideato per il “Festival della Bellezza”, manifestazione che per qualità e partecipazione si è affermata tra le principali a livello nazionale, con oltre 50.000 presenze, teatri esauriti, eventi ideati per il festival in format teatrale, concerti e spettacoli in anteprima nazionale, in contesti di grande storia e suggestione come il Teatro Romano, il rinascimentale Giardino Giusti e l’Arena. Tra gli altri ospiti in scena dall’1 all’11 giugno, Toni Servillo, Goran Bregovic, Vittorio Sgarbi, Massimo Cacciari, Philippe Daverio, Federico Buffa, Morgan, Massimo Recalcati, Paolo Villaggio, Ute Lemper, Umberto Galimberti; il 30 e 31 agosto Ennio Morricone nei suoi ultimi concerti all’Arena di Verona. Il festival, promosso dal Comune di Verona, è organizzato da Idem

Vinicio Capossela

Cantautore, scrittore, polistrumentista, istrionico e raffinato, ironico e immaginifico, Capossela è tra i maggiori artisti contemporanei, protagonista di connessioni tra generi musicali e tra musica e letteratura.?

È il cantautore che meglio ha saputo reinventare il linguaggio della canzone, con un lessico ricercato e evocativo e testi ricchi di prestiti e rimandi artistici, con riferimenti a Céline, Fante, Bukowski, Modigliani, Wilde, Fellini, Dante, Conrad, Coleridge, Omero, Melville.?

Si afferma per sound, poetica e stile fin dall’album d’esordio All’una e trentacinque circa, nel 1990. Seguono Modì, Camera a sud, Il ballo di San Vito, Canzoni a manovella, Ovunque proteggi, Da solo, Marinai, profeti e balene, classici della canzone d’autore che hanno ottenuto ampi consensi di critica e pubblico a livello internazionale. Nel 2015, per festeggiare i venticinque anni di carriera, è protagonista di un tour in alcuni storici teatri europei. Nel 2016 esce Canzoni della Cupa.

Artista eclettico, si è esibito in teatro e in tv con Paolo Rossi ed è autore con Andrea Segre del film Indebito. Apprezzata anche l’attività letteraria: il romanzo Non si muore tutte le mattine è un bestseller, Il paese dei coppoloni, pubblicato nel 2015, è stato candidato al Premio Strega.?

Tra i premi vinti: la Targa Tenco per la migliore opera prima e tre volte per il miglior album; il premio Lunezia della critica per l’album Ovunque proteggi; per due volte il Riccio d’argento per il miglior live teatrale. Nel 2011 ha vinto il premio De André alla carriera, nel 2013 il premio Chatwin.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Teatro Romano il destino artistico di Vinicio Capossela per un omaggio alla bellezza

VeronaSera è in caricamento