Il teatro è ripartito dai giovani a Verona: «Ripresa degli spettacoli è fondamentale»

Nella città scaligera 100 persone accolte dai saluti del sindaco e dall’Inno di Mameli

A Verona il teatro riparte dai giovani

Mille spettatori con mascherina distanziati, ma uniti dalla voglia di rivivere le emozioni dello spettacolo dal vivo si sono ritrovati ieri sera alla stessa ora sotto i cieli coperti e stellati di Treviso, Padova, Verona e Venezia per Il Teatro Riparte. La festa di teatro e musica organizzata dal Teatro Stabile del Veneto in collaborazione con le amministrazioni comunali, dopo più di 100 giorni di chiusura delle sale e di programmazioni digitali ha rialzato finalmente il sipario nei cortili, nelle piazze e nei sestieri delle quattro città.

A Verona nel Chiostro di Sant'Eufemia lo spettacolo è ripartito dai giovani, con i ragazzi della Scuola Teatrale di Eccellenza e dell'Accademia Lirica di Verona, ad aprire la serata l’Inno di Mameli. All’evento organizzato insieme al Comune di Verona hanno preso parte il Sindaco Federico Sboarina e l’assessore alla cultura Francesca Briani.

«La ripartenza degli spettacoli è un tassello fondamentale per tutti. - ha detto il sindaco Federico Sboarina - Non solo per un settore che è anche motore turistico, è importante per i lavoratori del comparto ma lo è soprattutto per gli artisti e i cittadini. Dove c'è creatività, c'è sempre progresso e elevazione dell'animo. mai come in questo momento le comunità hanno bisogno di 'rinascita' attraverso elementi positivi. Per questo anche a Verona abbiamo voluto celebrare simbolicamente la data di oggi e ringrazio lo Stabile del Veneto perché ha reso questa occasione corale, coinvolgendo le altre città della nostra regione».

chiostro san eufemia3

A Verona il teatro riparte dai giovani

«Sono tantissime le richieste di partecipazione ricevute dal pubblico nelle ultime settimane, sintomo che la voglia di cultura non è stata contagiata - ha commentato Giampiero Beltotto, presidente Teatro Stabile del Veneto - Il teatro è mancato a tutti, ripartire dalle nostre piazze è il modo migliore per sentirci vicini e recuperare i giorni sospesi, perché senza teatro non vi è una città vivibile. A soffrire in questi mesi di chiusura non è stato tanto il Teatro Stabile del Veneto, ma tutti gli artisti. È grazie a loro che abbiamo potuto continuare a mantenere un rapporto con il pubblico ed è per loro che oggi dobbiamo ripartire».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per consentire al maggior numero di spettatori di assistere agli spettacoli gli eventi sono stati trasmessi in diretta streaming sulle pagine Facebook del Verdi di Padova, il Goldoni di Venezia, del Teatro Mario Del Monaco di Treviso e su quella dello Stabile del Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Innamorata di un ragazzo, genitori non approvano e la tengono chiusa in casa

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 25 al 27 settembre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento