Pubblicazione del nuovo libro di Nicola Cipriani "Relazioni criminali"

Tre brevi racconti di storie realmente accadute a Verona negli anni Settanta e Ottanta

È giunta in libreria l'ultima fatica di Nicola Cipriani “Relazioni criminali”. Ricordi di un pubblico ministero nel Veneto (codice isbn 978-88-99278-366) pubblicata da Officina Grafica Edizioni, casa editrice di Lugagnano di Sona. Si tratta di tre brevi racconti di storie realmente accadute a Verona negli anni Settanta e Ottanta. Nel primo caso, che si svolge in una cittadina della zona collinare orientale di Verona, il protagonista uccide la moglie in conseguenza di una dipendenza da alcool e per discussioni col figlio ribelle.

Il secondo dramma, sempre familiare, ha luogo a Verona ma vede come protagonista una ex albergatrice originaria dell’altopiano di Asiago. In questo caso la donna – per vendetta nei confronti del marito e della famiglia di lui che la ignorano dando luogo a una sorta di “mobbing” familiare – decide di uccidere sé stessa e i due figli gettandosi nel canale Camuzzoni. Il terzo e ultimo racconto narra le singolari, rocambolesche avventure di un violentatore seriale che dapprima vien processato per aver abusato delle figlie minorenni e poi, dopo una serie di vicissitudini in carcere dove diviene informatore della polizia, ottiene la libertà vigilata che però perde realizzando una serie di aggressioni a donne in un canneto sino a quando non viene colto in flagrante e riportato in galera. Da cui fuggirà, riuscendo a espatriare facendo così perdere le proprie tracce. Si tratta in tutti e tre i casi di soggetti conosciuti, interrogati e processati dall’Autore. Storie vere, quindi, recuperate attraverso diari e copie personali di vecchie documentazioni, ma casi ancora aderenti alla realtà criminale di oggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chi è l'autore?

Nicola Cipriani, Fiorentino, classe 1929, è vissuto a lungo nel Veneto ove attualmente risiede. La sua carriera di magistrato si è svolta a Verona, come Pretore e poi sostituto Procuratore della Repubblica, successivamente a Venezia alla Procura generale presso la Corte d’appello per concludersi a 59 anni a Roma come Presidente agg. di Sezione presso la Corte di cassazione. Per un ventennio è stato professore a contratto in diritto penale e in criminologia presso le università di Bologna, Ferrara,Verona, Bressanone e Roma. Ha fondato e diretto due Riviste giuridiche di polizia. Ha pubblicato oltre duecento tra articoli e volumi attinenti alla sua attività di giurista, di cultore di storia e di storia della musica e di recente i volumi: Le tre Lucie. Il percorso di tre vittime del pensiero maschile (ed. Zecchini,2008), Treviso 1848. Una storia del Risorgimento (ed. Scripta 2014), Offenbach. La cometa di Colonia nel cielo di Parigi (ed. CIRVI ,Torino 2017).
Il libro è disponibile in libreria e sul sito di Officina Grafica Edizoni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento