menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inaugurata al Museo Amo la mostra “Toulouse – Lautrec. La belle époque”

"Siamo orgogliosi di presentare l'ennesima mostra frutto della proficua collaborazione con Arthemisia - ha detto Tosi - che ha portato a Verona, negli ultimi anni, grandi eventi culturali capaci di attrarre un numero importante di visitatori"

È stata presentata venerdì mattina, al Museo Amo a Palazzo Forti, la mostra “Toulouse – Lautrec. La belle époque”, prodotta dal Gruppo Arthemisia, con il patrocinio del Comune di Verona. Erano presenti il Sindaco Flavio Tosi, il direttore di Amo Francesco Girondini, la presidente di Arthemisia Iole Siena, il curatore Stefano Zuffi e i rappresentanti degli sponsor: Fabio Venturi di Agsm e Daniela Ara di Generali Italia.

“Siamo orgogliosi di presentare l’ennesima mostra frutto della proficua collaborazione con Arthemisia – ha detto Tosi – che ha portato a Verona, negli ultimi anni, grandi eventi culturali capaci di attrarre un numero importante di visitatori e soprattutto di fornire a migliaia di turisti la possibilità di scoprire luoghi della nostra città che altrimenti sarebbero fuori dai percorsi abituali”.

La mostra che è stata inaugurata nel pomeriggio di venerdì, ha aperto al pubblico sabato 1 aprile e rimarrà allestita fino al 3 settembre. In totale sono 10 le sezioni dell’esposizione, divise in 6 tematiche: notti parigine, i cavalli, i disegni, le collaborazioni editoriali, con gli amici intellettuali, l’amore è un’altra cosa.

La mostra sarà aperta il lunedì dalle 14.30 alle 19.30 e da martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30. Informazioni e prenotazioni sul sito www.mostratoulouselautrec.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento