rotate-mobile
Cultura Centro storico / Piazza Bra

Per sostenere la ricerca torna a Verona anche quest'anno la "Marcia del Giocattolo"

«Tutti i veronesi, nel pieno rispetto delle regole, potranno partecipare ed essere protagonisti della solidarietà», spiega l'assessore comunale Filippo Rando

Basta iscriversi online per ricevere a casa maglia e gadget, da indossare per correre a distanza. In prossimità di casa, in campagna o nelle aree verdi, evitando qualsiasi tipo di assembramento. La Marcia del Giocattolo torna con un format completamente nuovo, in ottemperanza alle misure anti Covid. Ma come da tradizione l’appuntamento, anche quest’anno, per tutti è l’8 di dicembre. L’iniziativa, giunta alla 43esima edizione, si correrà, quindi, in tutta sicurezza e per la solidarietà. L’evento, organizzato da Associazione Straverona in collaborazione con il Comune, supporta la Fondazione Città della Speranza, riferimento italiano per la ricerca in campo oncoematologico pediatrico. Tutti i partecipanti, con l’adesione sul sito www.marciadelgiocattoloverona.it, contribuiranno alla raccolta fondi. Le iscrizioni, già aperte, consentiranno di ricevere direttamente a casa la maglia ufficiale e gli omaggi dei partner. Il pettorale personalizzato, invece, verrà inviato via mail. Non mancherà la possibilità di registrare anche i bambini, che riceveranno a casa l’immancabile giocattolo.

L’8 dicembre, ciascuno potrà fare attività fisica indossando maglia e pettorale, scattando delle foto da condividere sui social, interagendo virtualmente con gli altri partecipanti all’evento. Inoltre, tutti potranno contribuire alla maratona radiofonica delle radio partner, con messaggi e note vocali, vivendo la Marcia del Giocattolo a distanza, ma con la giusta colonna sonora.

La manifestazione è stata presentata sulla scalinata di Palazzo Barbieri, dall’assessore allo Sport Filippo Rando e dal presidente di Associazione Straverona Gianni Gobbi. Erano presenti anche Stefania Fochesato di Città della Speranza e i rappresentanti di alcuni sponsor, tra cui Agsm con il consigliere Francesca Vanzo, Amia con il presidente Bruno Tacchella e il vicepresidente Alberto Padovani. «In questo periodo complicato e di grande incertezza – ha detto Rando -, la tenacia degli organizzatori ha permesso di rivedere tutto il format della Marcia e di proporre un evento diverso dal solito ma che dà un messaggio di speranza. Tutti i veronesi, nel pieno rispetto delle regole, potranno partecipare ed essere protagonisti della solidarietà. Cerchiamo di vivere l’atmosfera natalizia anche se a distanza e con le limitazioni che garantiscono la nostra salute».

Tutte le informazioni sono presenti sul sito www.marciadelgiocattoloverona.it, sulle pagine Facebook e Instagram di Straverona ASD o telefonando al numero 340 4735425.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per sostenere la ricerca torna a Verona anche quest'anno la "Marcia del Giocattolo"

VeronaSera è in caricamento