Giornata della Memoria, appuntamenti in università a Verona per non dimenticare

In programma una mostra e una conferenza sull’eredità di Primo Levi

La biblioteca Frinzi a Verona

Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche liberavano il campo di concentramento di Auschwitz. Sono trascorsi 75 anni, e l’università di Verona vuole ricordare la Shoah con due iniziative dedicate all’eredità di Primo Levi: una mostra, inaugurata lunedì 27 gennaio in biblioteca Frinzi, via san Francesco, 20, sull’urgenza della memoria e una conferenza, che si terrà mercoledì 29 gennaio, alle 17.30, in aula T.1 del polo Zanotto, viale dell’Università, 4, in collaborazione con il “Centro internazionale di studi Primo Levi” di Torino e la Comunità ebraica di Verona. 

Ad aprire entrambi gli eventi Olivia Guaraldo, delegata del rettore alla Valorizzazione del patrimonio culturale e dei beni culturali, public engagement: «L'università di Verona, da sempre impegnata nel valorizzare l'importanza pubblica della memoria della Shoah, con quest’iniziativa vuole ribadire come oggi più che mai sia necessario un richiamo allo spirito democratico e alla convivenza plurale, valori fondanti della nostra Repubblica e di questa istituzione accademica».

Al centro della mostra, a cura di Daniela Brunelli e Alessia Parolotto, è la poesia d’apertura del libro “Se questo è un uomo”, in 31 diverse traduzioni, a prova della diffusione internazionale della testimonianza di Levi. La poesia rappresenta una preghiera, un'invettiva e un monito nel quale è condensata l’esperienza di milioni di vite calpestate, umiliate, ferite e private della loro umanità. In mostra saranno esposti, fino al 29 febbraio, libri della Frinzi e di altre biblioteche dell’ateneo, ma anche volumi personali di docenti dell’università di Verona, che hanno voluto testimoniare il loro debito di riconoscenza a Levi, una raccolta di poesie, "Zoo", stampata col torchio a mano dal maestro tipografo Alessandro Zanella nel 2008, e un film-documentario, "La strada di Levi", della videoteca Alberto Roveda del dipartimento di Scienze della formazione.

Alberto Cavaglion e Paola Valabrega, studiosi del Centro internazionale di studi Primo Levi di Torino, interverranno nella conferenza in programma mercoledì 29 gennaio al polo Zanotto, con introduzione di Renato Camurri, docente di Storia contemporanea al dipartimento di Culture e civiltà dell’ateneo scaligero. La conferenza utilizzerà i materiali audiovisivi della Nona Lezione Primo Levi, tenuta da Cavaglion e Valabrega sul tema del sacro riscontrabile in diverse opere dello scrittore italiano, tra le quali “Se questo è un uomo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce fuori strada con la Ferrari, ipotesi malore: muore imprenditore in Transpolesana

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Preleva 1.500 euro con un bancomat rubato, scoperto e denunciato

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

Torna su
VeronaSera è in caricamento