Aquardens resta aperta e continua la sua attività, Zuliani: «Le terme sono luogo sicuro»

Aquardens resta aperta in quanto «centro termale dotato di presidio sanitario accreditato». L’Ad Zuliani: «Riconoscimento del ruolo che le terme hanno per la salute delle persone»

Aquardens - immagine d'archivio

«Aquardens resta aperta e l’appello che facciamo ai mezzi di informazione è quello di dire che le terme sono un luogo sicuro per i rigorosi protocolli di sicurezza e per i propri presidi sanitari con staff medico presente». Così Flavio Zuliani, Amministratore Delegato della struttura, sulla nuovo Decreto del Consiglio dei Ministri firmato ieri. Il Governo ha infatti consentito ai centri termali muniti di presidio sanitario accreditato di erogare i propri servizi.

«Il nostro Stabilimento termale  è aperto e sicuro grazie ai protocolli di sicurezza rigorosi e al presidio sanitario con poliambulatorio medico autorizzato ed accreditato dal SSN. – spiega Zuliani – Tutte le nostre 13 vasche per un totale di 5.200 mq di acqua sono termali. La nostra acqua salsobromoiodica microbiologicamente pura ha proprietà curative per molteplici malattie, da quelle reumatiche ai problemi legati all’apparato respiratorio, e viene microfiltrata 7 volte al giorno e ricambiata completamente nelle 48 ore. Al tema della prevenzione e del benessere psico fisico quindi, si affianca da sempre in modo preponderante l’aspetto sanitario, che ci rende sicuramente punto fondamentale per i servizi che eroghiamo a tantissimi nostri utenti».

Aquardens fin dalla riapertura, avvenuta l’11 luglio scorso, ha intrapreso una serie di iniziative volte a garantire protocolli severissimi e molto rigidi nell’accoglienza e gestione dei propri ospiti, con rilevamento della temperatura con termoscanner all’ingresso, tracciabilità degli ospiti fino a 14 giorni, utilizzo delle mascherine, distanziamento e sanificazioni costanti, oltre che la presenza di impianti del trattamento dell’aria tecnologici di ultima generazione.

Oltre a ciò Aquardens ha previsto un piano periodico di autocontrollo con tampone a tutti i 200 dipendenti e collaboratori, nonché sistemi di gestone dei clienti che prevedono la prenotazione giornaliera ed oraria dei servizi erogati. «Sicurezza e salute sono da sempre i valori fondanti del nostro centro e quest’anno il nostro impegno è quello di garantire un servizio piacevole e gradevole, ma in totale sicurezza. Del resto con oltre 110mila metri quadrati di area a disposizione il distanziamento è garantito. Presto inoltre – conclude Zuliani -comunicheremo l’avvio di un’iniziativa pilota nel campo del contrasto al COVID-19, che realizzeremo in collaborazione con un importante ospedale del territorio, e che ci renderà capofila di un progetto che ci rende profondamente orgogliosi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento