menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cinema digitale, si apre il "San Gi" festival 2010

Cinema digitale, si apre il "San Gi" festival 2010

Cinema digitale, si apre il "San Gi" festival 2010

Dal 23 al 27 luglio saranno 41 le nazioni rappresentate dalle centinaia di opere presentate

Si apre questo venerdì, 23 luglio, a Verona il "San Giò Video Festival", manifestazione internazionale di produzioni digitali, giunta alla sedicesima edizione. Un bilancio che conta 41 nazioni a rappresentare i cinque continenti, 87 film in concorso, divisi tra lungo e cortometraggi, mentre undici le opere e gli eventi fuori concorso, sei titoli per l’omaggio allo SHAR School Studio di Mosca. Dalla Nuova Zelanda a Israele, dall’Algeria al Canada, dagli Stati Uniti al Vietnam, dalla Gran Bretagna all’ Iran, comprendendo zone difficili come la Georgia, il Kirghisistan. Un mondo di immagini, molte per la prima volta in Italia e in Europa, che si riverserà sui luoghi del Festival, la sera nel cortile del Tribunale antico, il tardo pomeriggio nella poco conosciuta e centralissima Santa Maria in Chiavica, una chiesa sconsacrata che conserva il matroneo.

Fortemente caratterizzato dalla presenza di immagini al femminile, quasi la metà delle produzioni presentate sono di autrici indipendenti, il "San Giò 2010" scopre un panorama produttivo fortemente legato alle problematiche sociali: anziani, handicap, morte, identità sessuale, e sono soprattutto giovani autori ad affrontarle con decisione, e molti sono i giovani del nostro paese. Il manifesto del Festival e un recital, la sera di domenica 25, di Rosana Pastor (l’indimenticabile protagonista di “Terra e Libertà) sono dedicati a Corso Salani, per anni affezionata presenza del Festival.

Tra gli eventi del Festival la presentazione di “La baie du renard”, opera prima dell’attore francese Grégoire Colin, di “Three Pilots” di Philip Leaman, documentario nomination Oscar, di “Le Cycle” ormai cult horror del canadese Éric Falardeau, la commedia sexy “30 Love” di Rollo Wenlock, e “The Marina Experiment” in cui l’autrice, Marina Lutz, ripensa alle violenze subite dal padre. Il San Giò Verona Video Festival si aprirà con “Violonchel” della russa Tatyana Kurnaeva e si chiuderà il 27 con il coro dell’Università di Colima, Messico, dove il San Giò emigra d’inverno.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento