Eventi via del lavoro

“Aspettando La Mille Miglia” viene decisa solo nelle ultime prove cronometrate

Andrea Vesco e Andrea Guerini, a bordo di una bellissima Fiat Siata 514 MM del 1930, sono i primi vincitori del Trofeo Luciano Nicolis, conducendo un ultima parte di gara straordinaria

Sono Andrea Vesco e Andrea Guerini i primi vincitori del Trofeo Luciano Nicolis, messo in palio nel weekend dell'8 e 9 maggio nell'ambito di “Aspettando La Mille Miglia”, l'evento organizzato dall'Automobile Club Verona in collaborazione con il Comune di Verona e con il patrocinio di AC Brescia, 1000Miglia Srl, Aci Storico, Aci Verona Sport, Museo Nicolis, Verona Legend Cars e Museo Mille Miglia.

I portacolori del Registro Fiat Italiano, a bordo di una bellissima Fiat Siata 514 MM del 1930, hanno portato così a casa il risultato più prestigioso, l'iscrizione gratuita alla Mille Miglia 2016. Oltre a questo, a loro è spettato apporre la firma sul bellissimo Trofeo Luciano Nicolis, una coppa completamente in vetro che sarà esposta al Museo Nicolis di Villafranca e ogni anno aggiungerà l'autografo dei vincitori di questa manifestazione.

A decidere la parte agonistica del Trofeo proprio le ultime prove cronometrate, che la squadra di Aci Verona Sport, responsabile tecnica dell'evento, ha disegnato all'intero del polo fieristico che nel weekend ha ospitato per la prima volta “Verona Legend Cars”, evento dedicato all'auto d'epoca organizzato da Intermeeting Srl. Fino a quel momento in testa erano i secondi classificati al termine, Gianmaria Aghem e Rossella Conti, che a bordo di una splendida BMW 328 del 1938 hanno subito il sorpasso da parte dei regolarissimi Vesco e Guerini. I vincitori, infatti, hanno condotto una straordinaria ultimissima parte di gara, con delle medie davvero impressionanti che sono valse un recupero e un sorpasso che, stando ai canoni della regolarità, sembravano a detta di tutti impossibili. Aghem-Conti hanno comunque portato a casa la garanzia di iscrizione alla Mille Miglia 2016.

Terzi al termine Franco Spagnoli e il giovanissimo Michele Bellini, su una Fiat 508 Sport Ghia (1932) della Franciacorta Motori. L'esperto pilota ha ammesso la difficoltà del percorso sviluppato principalmente in Valpolicella concentrato nella giornata di sabato 9 maggio. Solo quinto al termine il mantovano Giordano Mozzi, che assieme alla moglie Stefania Biacca portava in gara la leggendaria OM 665S MM, prima vincitrice della Mille Miglia competitiva. Molto sportivamente Mozzi ha ammesso che "l'unico motivo per cui siamo arrivati più indietro è che tutti i nostri avversari sono stati davvero bravi".

Da segnalare la partecipazione di due equipaggi argentini. Il primo, composto da Carlos Sielecki e Juan Hervas su Bugatti Type 35A, che hanno chiuso al settimo posto, e l'altro composto da Pablo Gabriel Stalman e Fernando Sanchez Zinny, su una Bugatti Type 40 Grand Sport al termine ottavi.

Tutti i partecipanti del Trofeo Luciano Nicolis hanno vissuto un weekend davvero eccezionale, iniziato con la sfilata glamour in Piazza Bra venerdì 8 maggio, rovinata poi dal maltempo che ha costretto all'annullamento del concerto lirico sinfonico “Note d'AUTOre”, organizzato dall'Automobile Club Verona in collaborazione con l'ACI, il Comune di Verona e la Fondazione Arena. Nonostante questo imprevisto, la gara si è poi disputata senza nessun problema nella giornata di sabato 9 terminando, appunto, all'interno del polo di Veronafiere.

Gli alfieri sono stati premiati all'interno dello stand dell’Automobile Club d’Italia allestito nella fiera di Verona Legend Cars. Madrina d'eccezione delle premiazioni, condotte dalla giornalista Elisabetta Gallina, l'attrice Francesca Rettondini, che ha così presentato, assieme al regista Claudio Uberti, il teaser del film “Rosso Mille Miglia” di cui è protagonista assieme a Martina Stella, che sarà in tutte le sale italiane ad ottobre. Da non dimenticare poi un'altra collaborazione importante, quella con la premiata fabbrica bresciana di argenteria Petruzzi&Branca, fornitore ufficiale Mille Miglia, che ha messo in palio ai classificati le coppe ufficiali, in scala ridotta, della Freccia Rossa.

Oltre al Trofeo Luciano Nicolis, premiati anche i partecipanti alla gara di regolarità Aspettando La Mille Miglia riservata alle vetture dal 1957 al 1971. In questa categoria hanno conquistato lo scettro Dario Converso e Federica Ameglio, su Alfa Romeo Giulietta Sprint dell'Historic Car Club Verona, davanti a Bruno Spozio ed Enzo Corradini, su una vettura gemella della stessa scuderia. Terzi Guido Butti e Sergio Andreoli su un'Alfa Romeo Giulietta Spider sempre HCC Verona.

"È stata una bellissima manifestazione" ha sottolineato al termine un sorridente Adriano Baso, presidente dell'Automobile Club Verona "durante la quale tutto il nostro team di lavoro ha potuto registrare tutti i particolari che andranno migliorati e perfezionati il prossimo anno. Per noi questo era l'anno zero, e fatta eccezione per il bellissimo spettacolo all'Arena di Verona che purtroppo abbiamo dovuto annullare per il meteo avverso, la manifestazione ha girato molto bene e abbiamo raccolto la soddisfazione di tutti i concorrenti. Piazza Bra piena di gente venerdì sera incantata a guardare queste stupende auto, patrimonio storico culturale della nostra passione, è stato il migliore risultato".

L'appuntamento, a questo punto, è tutto per giovedì 14 maggio, quando da Piazza Bra transiteranno le vetture della Mille Miglia vera e propria. La Freccia Rossa, che in un primo momento non doveva passare per Verona, sarà invece in Bra a partire dalle ore 14:30 con le vetture del tributo Ferrari, e a seguire con i concorrenti della Freccia Rossa.

Le premiazioni dei vincitori-2Converso-Ameglio-2AndreaVesco - AndreaGuerini-3Aghem-Conti-2Spagnoli-Bellini-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Aspettando La Mille Miglia” viene decisa solo nelle ultime prove cronometrate

VeronaSera è in caricamento