Giovedì, 28 Ottobre 2021
Eventi Centro storico / Piazza Brà

“Alzheimer 100 anni dopo. Mai più soli”, il punto sulla malattia in Gran Guardia

Il convegno si tiene sabato 24 ottobre ed è promosso dall’associazione Alzheimer Italia – Verona in collaborazione come l’Assessorato ai Servizi Sociali e Famiglia del Comune di Verona

Si terrà sabato 24 ottobre alla Gran Guardia l’ottavo convegno di studi “Alzheimer 100 anni dopo. Mai più soli”, promosso dall’associazione Alzheimer Italia – Verona in collaborazione come l’Assessorato ai Servizi Sociali e Famiglia del Comune di Verona. L’evento è realizzato grazie al contributo e alla collaborazione dell’associazione “50&PIU” di Confcommercio, della Fondazione Cattolica, del Centro Servizi per il Volontariato, e con il patrocinio, tra gli altri, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria, dell’ULSS 20 e 21, del Centro regionale per lo Studio dell’Invecchiamento Cerebrale, del Sindacato dei Medici.
L’iniziativa è stata illustrata questa mattina dall’assessore ai Servizi Sociali Anna Leso insieme al presidente dell’associazione Alzheimer Italia Verona Maria Grazia Ferrari Guidorizzi, al direttore scientifico del convegno Paolo Ferrari, al segretario generale di Fondazione Cattolica Adriano Tomba e a Marcellino Prati dell’associazione 50&Più Verona.
Purtroppo è in costante aumento il numero delle persone anziane affette dal morbo di Alzheimer – ha detto l’assessore - e questo ha pesanti riflessi sulla qualità di vita dei malati e dei loro familiari. Per cercare di dare una risposta alle diverse problematiche che questo comporta, sono attive da alcuni anni una serie di iniziative sia pubbliche che private. Grazie a questa fattiva collaborazione durante il convegno di sabato prossimo avremo modo di approfondire sia gli aspetti sanitari che quelli sociali e di fare il punto e rilanciare la rete dei servizi disponibili".

Il programma completo dell’evento è disponibile sul sito www.alzheimerverona.org.
Il convegno assegna 8 crediti formativi ECM a medici, assistenti sanitari, psicologi, infermieri, educatori, fisioterapisti e dietisti con accreditamento sul sito www.alzheimerverona.org

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Alzheimer 100 anni dopo. Mai più soli”, il punto sulla malattia in Gran Guardia

VeronaSera è in caricamento