rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Eventi

Al Camploy arriva il tradizionale concerto di Natale

Venerd 23 dicembre la Big Band Orchestra proporr colonne sonore di famosi film

Si terrà venerdì 23 dicembre al Teatro Camploy il tradizionale “Concerto di Natale” della Big Band Ritmo Sinfonica “Città di Verona”, promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Verona. L’evento, giunto alla quattordicesima edizione, è stato presentato oggi a Palazzo Barbieri dall’assessore alla Cultura Erminia Perbellini.

Erano presenti il direttore artistico del Teatro Camploy Gianpaolo Savorelli, il presidente della Big Band Ritmo Sinfonica “Città di Verona” Paolo Girardi e il direttore dell’orchestra Marco Pasetto.

“Anche quest’anno – afferma l’assessore – l’Amministrazione comunale si è impegnata per realizzare uno degli appuntamenti più attesi ed apprezzati dai cittadini. Oltre ad ascoltare il repertorio musicale sempre nuovo e coinvolgente proposto dalla Big Band – aggiunge l’assessore – il concerto sarà anche l’occasione per lo scambio degli auguri natalizi, con l’auspicio che il nuovo anno riservi al teatro comunale della città i successi di pubblico e di critica riscossi durante il 2010”.


Per il Natale 2011 la Big Band propone brani di compositori italiani vincitori del premio Oscar (Nino Rita, Ennio Morricone, Nicola Piovani, Dario Marianelli) che si alterneranno a quelli di grandi compositori stranieri (Henry Mancini, John Barry, Bill Conti). Novità di quest’anno: le musiche eseguite dal vivo saranno accompagnate dalla proiezione di scene tratte dai film, scelte e montate per l’occasione. L’insieme di immagini e musica farà rivivere le emozioni di capolavori cinematografici entrati nella storia del cinema (La strada, Romeo e Giulietta, La vita è bella, Mission, Colazione da Tiffany, A qualcuno piace caldo, The Blues Brothers). L’augurio di Natale finale sarà affidato alle scene e alle musiche del film “White Christmas”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Camploy arriva il tradizionale concerto di Natale

VeronaSera è in caricamento