rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Eventi

A Brentino c' Un treno carico di filastrocche

Lo spettacolo tratto dalle raccolte di Rodari in scena domani, ore 21, la campo sportivo

L’assessorato alla Cultura del Comune di Brentino Belluno in collaborazione con Fondazione Aida presenta, mercoledì 21 luglio alle 21 al Campo Sportivo a Rivalta "Un treno carico di filastrocche", spettacolo per i ragazzi tratto dal Treno delle filastrocche (1952) e da altre celebri raccolte di Gianni Rodari di cui ricorre il novantesimo anniversario della nascita e il trentesimo della morte.

Un treno carico di filastrocche, che mette insieme le più belle e significative filastrocche rodariane, porta il pubblico (bambini dai sei agli undici anni) in un viaggio a bordo di questo treno magico, capace di arrivare nei luoghi più fantasiosi, di far conoscere le persone più bizzarre, di essere oggetto di strane trasformazioni: i sedili infatti “diventano letti e poltrone, i finestrini diventano davanzali, vetrine e teatrini di burattini”.

Gli interpreti di questo spettacolo di teatro d’attore sono Massimo Lazzeri, Flora Sarubbo e Irene Fioravante che hanno il compito di solleticare la curiosità, di alimentare la creatività dei più piccoli. Massimo Lazzeri, anche regista e autore della scrittura drammaturgica e dei testi delle canzoni, ha “incastonato” le filastrocche, quasi fossero pietre preziose, per catturare l’attenzione del pubblico per il loro linguaggio semplice, per l’immediatezza, la concretezza e la facilità di comprensione.

"Lo spettacolo – spiega il regista – è fatto di parole semplici e precise, di avventure fantasticamente reali, di musica e di colori, di tristezza e, soprattutto, di speranza, per ricordare sempre che 'dopo la pioggia viene il sereno, brilla nel cielo l’arcobaleno'". Luci di Stefano Mazzanti, scene di Guglielmo Avesani e Andrea Coppi, costumi Sartoria Creativa – Tiziana Mosna, tecnici audio e luci Ava Marco e Riccardo Carbone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Brentino c' Un treno carico di filastrocche

VeronaSera è in caricamento