Eventi Centro storico / Piazza Bra

Intervista ad Alberto Urso, il giovane lirico presente ai Seat Music Awards

Dopo il trionfo ad Amici di Maria De Filippi, la promessa del canto italiano ha stregato l'Arena di Verona con un'esibizione da pelle d'oca ed una meravigliosa standing ovation

Foto Facebook Alberto Urso

Giovane, talentuoso e umile: Alberto Urso è il cantante lirico che ha trionfato nell’edizione numero diciotto di Amici di Maria De Filippi.

Dopo il trionfo ad "Amici", Alberto si è esibito per la prima volta all'Arena di Verona, martedì sera, in occasione dei Seat Music Awards.

Chi è Alberto Urso?

Classe 1997, Alberto è nato a Messina e nel 2010 ha debuttato in tv, partecipando al famoso programma televisivo, Ti lascio una canzone. All’epoca aveva solo 13 anni e arrivò a duettare pure con Gianni Morandi. Terminata l’esperienza tv ha continuato a studiare per diventare un cantante lirico e si è diplomato con il massimo dei voti al conservatorio musicale di Messina. Dopo il conservatorio Alberto, si è trasferito a Matera per perfezionare lo studio di sax, percussioni e pianoforte, ottenendo la Laurea Magistrale in Canto Lirico.

Ecco l'intervista che ci ha rilasciato il 4 giugno nel back stage dei Seat Music Awards

Cosa ti porti dall'esperienza di Amici di Maria De Filippi?

Amici è stata un'esperienza unica, che mi ha aiutato a crescere moltissimo, sia a livello personale che artistico, mi ha regalato veramente tanto! Non posso che ringraziare Maria De Filippi, per avermi dato questa grande possibilità! Ad Amici ho capito che bisogna avere pazienza, studiare e stare sempre con i piedi per terra. Io personalmente mi sento solo all'inizio, devo continuare a crescere e a fare le mie esperienze.

Fin dall'inizio sei sempre stato il favorito, immaginavi di vincere?

Io il favorito? Ma guarda, in verità noi quando siamo nella scuola, non sappiamo nulla di quello che succede fuori, quindi non si percepisce e non si può ipotizzare nessun risultato. Sentivo che il pubblico mi voleva bene, ma come voleva bene ai miei compagni. Il livello di tutti era altissimo, quindi non mi aspettavo di vincere.

Un genere come il tuo, la lirica, poteva essere "pericoloso" in un contesto come quello di Amici,  hai mai avuto paura di non essere nel posto giusto?

La lirica è sicuramente un genere trascurato, specialmente dai giovani, "Amici" è un programma dedicato ai ragazzi, quindi il mio genere poteva essere "pericoloso". Ma la scommessa che ha fatto Maria è stata proprio quella di avvicinare i giovani alla lirica. Per fare questo ho cercato di essere versatile, spaziando in diversi generi, questa diciamo è stata la chiave vincente che Maria ha trovato per me !

Amici è finito da poco più di una settimana, ma senti già che la tua vita è cambiata?

Sento l'affetto delle persone, che mi regala una carica pazzesca. Non mi sono ancora riposato un secondo, ma grazie a questa energia che ricevo dal pubblico, mi sento sempre carico!

E Sanremo?

Wow, Sanremo è meraviglioso, sarebbe un sogno, ma per ora non ho ancora programmi.

Questa sera ti esibisci ai Music Awards...

Si, sono all'Arena di Verona, che è praticamente il tempio della musica lirica, e per me è un'emozione unica al mondo! Ho il cuore che mi scoppia dalla gioia, perchè ho finito da poco di fare le prove e mi sento talmente piccolo di fronte a tutto ciò che devo ancora metabolizzare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intervista ad Alberto Urso, il giovane lirico presente ai Seat Music Awards

VeronaSera è in caricamento