Apertura sui voucher per l'agricoltura: plauso di Coldiretti e Regione Veneto

«Occorre prendere decisioni per salvaguardare il patrimonio agroalimentare regionale che con i suoi primati in termini di qualità e fatturato è risorsa strategica per tutto il Paese», ha detto Daniele Salvagno

Immagine generica

«Le dichiarazioni della Ministra Bellanova fanno presagire una svolta sul tema dei voucher». È quanto commenta il presidente di Coldiretti Veneto e Verona Daniele Salvagno in merito all’intervista apparsa sul Corriere del Mezzogiorno. Il presidente regionale di Coldiretti auspica una radicale semplificazione del sistema per consentire l’accesso ai lavori nei campi da parte di cassaintegrati, studenti e pensionati proprio nel momento in cui scuole, università attività economiche ed aziende sono chiuse e molti lavoratori in cassa integrazione potrebbero trovare una occasione di integrazione del reddito proprio nelle attività di raccolta nelle campagne.
Coldiretti sottolinea che secondo i dati Istat, in piena pandemia si è verificato un calo del 10% delle giornate di lavoro nel mese di marzo nonostante il fatto che il secondo inverno più caldo dal 1800 abbia anticipato la maturazione delle primizie con l’avvio delle raccolte, dagli asparagi alle fragole. Coldiretti Veneto ricorda che a causa dell’emergenza sanitaria la manodopera stagionale straniera è rimasta ferma nei paesi d’origine e le aziende agricole hanno dovuto attivarsi nella ricerca di braccianti per evitare che i prodotti marcissero in serre e orti. A fronte di numerose delle numerose richieste di lavoro, Coldiretti ha attivato una piattaforma web per l’incontro della domanda e offerta. Nel sito “JobinCountry” aziende e privati prossono registrarsi per trovare opportunità su tutto il territorio nazionale.
«Da maggio fino a ottobre – spiega Salvagno – i mesi saranno interessati dalle produzioni di mele, olive, kiwi e soprattutto uva per le operazioni della vendemmia 2020. Occorre prendere decisioni per salvaguardare il patrimonio agroalimentare regionale che con i suoi primati in termini di qualità e fatturato è risorsa strategica per tutto il Paese».

«Anche il ministro riconosce l’importanza dei voucher semplificati in agricoltura per disoccupati e studenti per sopperire alla mancanza di manodopera nei campi a causa dell’emergenza Covid-19. E’ una apertura importante ed autorevole, che arriva a settimane dalle prime richieste mie e del Tavolo Verde per l’agricoltura. Ma ora bisogna correre, perché il rischio è di arrivare troppo tardi per la stagione agricola».
Anche l’assessore all’agricoltura della Regione Veneto, Giuseppe Pan, plaude alle dichiarazioni del Ministro per le politiche agricole Maria Teresa Bellanova, relative alla ‘semplificazione dell’utilizzo di voucher in agricoltura per studenti e disoccupati, prevedendo anche la possibilità del cumulo del reddito di cittadinanza e della retribuzione’.
«È quanto la Regione Veneto, insieme alle categorie del mondo agricolo – dichiara Pan - vanno sostenendo sin dall’inizio di questa crisi sanitaria che ha chiuso le frontiere e allontanato da serre, vigneti e campi i lavoratori stagionali dell’Est europeo che tradizionalmente garantivano la raccolta di fragole, asparagi, primizie di stagione, la potatura delle viti e la preparazione di frutteti e colture orticole estive. Tutti sappiamo che potare e raccogliere non sono mestieri che si possono improvvisare, arruolando chiunque.
I voucher esistenti per retribuire i lavoratori occasionali sono di difficile, anzi di improbabile, utilizzo nei lavori agricoli – aggiunge Pan –. Al tavolo dalle Regioni abbiamo spiegato ripetutamente al Governo che le procedure per istruire un voucher sono troppo complesse in agricoltura. Le aziende del primario, soprattutto le medio- piccole, chiedono che, almeno in questa fase di emergenza, si possano semplificare le procedure per favorire il lavoro regolare, in piena tracciabilità, superando quei limiti che attualmente scoraggiano o addirittura impediscono l’utilizzo dei voucher. Lo chiedono le imprese, ma anche le tante persone (studenti, lavoratori in cassa integrazione o in mobilità, pensionati) che in questi mesi hanno davvero bisogno di integrare il reddito. Come dimostrano gli accessi quotidiani al servizio online Incontralavoro Agricoltura creato dalla Regione con Veneto Lavoro, associazioni del primario e parti sociali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Giovane veronese muore in un incidente il giorno del compleanno al rientro dal lavoro

Torna su
VeronaSera è in caricamento