Martedì, 26 Ottobre 2021
Economia Centro storico / Corso Porta Nuova

Verona, cambio ai vertici di Coldiretti Verona: arriva Giuseppe Ruffini tra le "eccellenze veronesi"

Il nuovo numero uno ha 45 anni, è di Terni, laureato in Scienze Agrarie e sposato con due figli, per quindici anni ha ricoperto il ruolo di Direttore in diverse federazioni italiane, tra cui quella modenese dal 2010 ad oggi

Cambio ai vertici di Coldiretti Verona. Il nuovo direttore, Giuseppe Ruffini, subentra a Pietro Piccioni chiamato ad assumere la direzione della Federazione regionale del Veneto. Ruffini, 45 anni di Terni, laureato in Scienze agrarie e sposato con due figli, per quindici anni ha ricoperto il ruolo di Direttore in diverse federazioni italiane, tra cui quella modenese dal 2010 ad oggi, maturando un’ampia esperienza sia tecnica che politica.

“Sono entusiasta della nuova nomina a Verona, – afferma Ruffini – provincia di grande spessore imprenditoriale e ricca di eccellenze agroalimentari note in tutto il mondo”. “Si tratta di un’agricoltura in cambiamento. – continua Ruffini – Il ruolo agricolo dell’imprenditore agricolo oggi è in fase di trasformazione, anche grazie ai progressi ottenuti dall’azione sindacale di Coldiretti. È nostra intenzione perseverare nel mettere a disposizione dei nostri imprenditori gli strumenti necessari per una continua specializzazione e diversificazione delle loro attività nell’ottica di un reddito più consono al lavoro che svolgono anche a favore della collettività”.
“Oltre a ciò – aggiunge- non dobbiamo dimenticare il ruolo fondamentale del consumatore finale che, sempre più attento a ciò che mette in tavola, è diventato un alleato insostituibile del produttore. In un mercato sempre più globalizzato che tende a imporre beni di consumo massificati e fortemente standardizzati, Coldiretti si pone quale garante della salubrità e genuinità delle produzioni agricole”. “Tutto ciò – conclude Ruffini - avviene in un mercato sempre più competitivo, veloce e globalizzato. Il mio obiettivo è, quindi, garantire alle imprese agricole opportunità di sviluppo, valorizzazione del loro lavoro e dei loro prodotti, in un quadro di piena integrazione dell’agricoltura con gli interessi economici e sociali del territorio scaligero, anche attraverso il confronto con gli altri attori coinvolti nel processo di rilancio dell’agricoltura”.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, cambio ai vertici di Coldiretti Verona: arriva Giuseppe Ruffini tra le "eccellenze veronesi"

VeronaSera è in caricamento