Nuova campagna di promozione turistica: Verona, meta sicura e accogliente

Si chiama Destination Verona ed è stata lanciata della Camera di Commercio di Verona per comunicare in Italia e all'estero che la terra scaligera è aperta a tutte le esperienze

Unì'immagine della campagna Destination Verona

Si chiama Destination Verona ed è la nuova campagna di promozione provinciale della Camera di Commercio di Verona per comunicare in Italia e all'estero la terra scaligera come meta sicura, accogliente e aperta a tutte le esperienze. «Con Destination Verona si avvia la stagione di ripartenza dell'economia - ha affermato il presidente della Camera di Commercio di Verona Giuseppe Riello - Sono stati stanziati 30 milioni di euro in tre anni con interventi per le imprese veronesi, per le aziende partecipate dell'ente e d'intesa con il sistema delle Camere di Commercio nazionale e regionale e con la Regione Veneto. La prima misura a partire è quella di supporto al turismo cui l'ente ha destinato 200mila euro».

«Riconoscibilità, identificazione, internazionalità - ha dichiarato il vicepresidente dell'ente Paolo Tosi - sono tutti elementi che ci hanno guidato nelle scelte da attuare per riposizionare l'offerta turistica nel nuovo scenario tratteggiato dal Covid-19. Il nuovo logo descrive infatti la varietà e ricchezza del territorio, attraverso un pittogramma che rappresenta gli elementi strategici ritenuti più importanti: arte e cultura, enogastronomia, natura e paesaggi. Nell'elaborazione del logo abbiamo così immaginato dei colori vivaci dal forte impatto visivo, utilizzando un lettering che richiama i colori della nostra terra, la pianura, il lago, la montagna, ma anche i colori dei vini, dell’olio o l’intensità delle esperienze di vita all’aria aperta. Diciamo che ci si può sbizzarrire».

Il posizionamento, rappresentato dal payoff Open to your passions, volutamente in lingua inglese, in quanto rivolto prima di tutto al turismo straniero, è facilmente comprensibile da un pubblico nazionale e internazionale. «La campagna di comunicazione - aggiunge Silvia Nicolis, componente di giunta della Camera di Commercio di Verona - è sviluppata con l'obiettivo di mettere in risalto tutti i principali elementi di attrazione turistica della provincia di Verona, che riprende il posizionamento utilizzando la parola open per raccontare con un semplice termine quanto sia differenziata, variegata e aperta l’offerta turistica veronese».

La campagna è stata preceduta da quattro webinar di promozione del territorio riservati ad operatori turistici italiani, olandesi, danesi e tedeschi. «Abbiamo presentato ai giornalisti tedeschi l'offerta turistica del Lago di Garda, articolata in quattro tipi di vacanza - ha detto Paolo Artelio, anche lui componente di Giunta della Camera di Commercio di Verona - quella rigenerante (terme, montagna), quella adrenalinica (sport acquatici e mountain bike), la vacanza fun&play (sistema dei parchi) e la vacanza bon vivant (prodotti tipici, degustazioni in cantina, ristorazione d’eccellenza). Vacanze che si possono vivere in ambienti sicuri e in libertà come comunica la nuova campagna Destination Verona».

L’agenzia di comunicazione Moving, cui è stata affidata la creazione della campagna, ha sviluppato un nuovo sito internet di riferimento del progetto, una piattaforma digitale che racchiude in sé tutta l'offerta turistica del territorio, in grado di informare e guidare, in maniera immediata e facilmente comprensibile. E con l'obiettivo di stimolare un forte cross travel tra le varie destinazioni della provincia, l’agenzia ha ideato e promuoverà un concorso a premi, la cui meccanica è stata pensata proprio per sollecitare gli spostamenti dei turisti in arrivo nella provincia in più località della stessa, attraverso la distribuzione sul territorio di materiale pubblicitario.

Riello_Tosi_Artelio_Nicolis_Moretti-2
(Presentazione Destination Verona)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Il Veneto dal 16 gennaio è la Regione più a rischio zona rossa con il prossimo Dpcm

  • La zona arancione che in Veneto durerà almeno fino al 15 gennaio spiegata semplice

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Rt del Veneto «sfiora» il valore 1, ma la Regione finisce comunque in zona arancione, perché?

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento