rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia Valverde / Piazza Renato Simoni

SPI CGIL, pensionate discriminate in "busta": 560 euro in meno rispetto ai maschi

Secondo i dati del sindacato, una su due vive con meno di 800 euro al mese, mentre sarebbero circa 25mila le pensioni sociali di poco superiori ai 5 mila euro lordi l’anno contro le 10mila maschili

Al mese guadagnano 560 euro in meno rispetto ai “colleghi” maschi. Una su due vive con assegni inferiori a 800 euro al mese. A loro arrivano circa 25 mila pensioni sociali (contro le 10 mila degli uomini) di poco superiori ai 5 mila euro lordi l’anno, 124 mila pensioni di invalidità (rispetto alle 77 mila dei maschi) con un importo di 5220 euro lordi annui e addirittura 14 mila e 700 pensioni di guerra da 3 mila e 200 euro contro i 6 mila e 500 assegni che arrivano agli uomini con un importo annuale pari a 8 mila 118 euro.

Insomma, in Veneto le pensionate sono costrette a gestire il proprio quotidiano con risorse economiche nettamente inferiori rispetto ai pensionati uomini. E così, nella Giornata Internazionale della Donna, lo SPI CGIL del Veneto vuole puntare i riflettori su questa ulteriore discriminazione nei confronti dell’universo femminile e, in questo caso, di quello delle persone anziane.

Partendo da questa preoccupante realtà, lo SPI organizza, a partire dall'8 marzo, in tutte le provincie del territorio una serie di iniziative che hanno l’obiettivo di non dimenticare le discriminazioni e le violenze cui tante Donne, anche in Italia, sono ancora fatte oggetto.

“Anche quest’anno continua incessante l’attività dei coordinamenti provinciali Donne SPI – commenta Rossana Bettella, Responsabile del Coordinamento Donne SPI CGIL regionale - Un grande fiorire di iniziative e di appuntamenti a cui speriamo corrisponda, da parte dell’universo maschile, un aumento della consapevolezza dell’importante ruolo della donna nella società e della necessità di lottare insieme per le pari opportunità e contro ogni forma di violenza e di sopruso verso le donne, che invece ogni giorno vediamo crescere anche nei nostri territori”.

Schermata 2016-03-08 alle 08.57.51-2

Fonte: Elaborazioni SPI CGIL Veneto su dati INPS
*ultimi dati disponibili 2013
N.B: i numeri si riferiscono alle pensioni e non ai pensionati

ECCO LE INIZIATIVE SPI CGIL DEL VENETO IN PROGRAMMA:

A Belluno il 10 marzo presentazione di un libretto, frutto di una tesi di laurea, “Un confessionale in pubblico, la piccola posta nei settimanali” di Francesca Endrighetti, riferita agli anni ’50. E poi nei mesi prossimi tante altre iniziative, dalla visita al Museo della Pietra di Castellavazzo, a un convegno in autunno su Prevenzioni e tutele della salute delle donne.

A Padova, invece, l’8 marzo assemblea generale al mattino di tutte le donne della Cgil e dello SPI per parlare di discriminazioni e di welfare con Susanna Camusso e alla sera al teatro Ruzante, gran concerto con Rachele Colombo e Miranda Cortes, che presenteranno il loro disco in uscita per quella data. In provincia a Cittadella proiezione l’11 marzo del film “Scusate se esisto” alla 20.30 in sala consiliare assieme alla testimonianza di lavoratrici in lotta per la difesa del posto di lavoro. Altre iniziative a Ponte San Nicolò, a Cadoneghe, il 30 marzo alla fornace Carotta presentazione del libro “7 donne, 7 vite, 7 possibilità”.

A Rovigo l’11 marzo un convegno sulla medicina di genere con illustri ospiti, per lo più specialisti della A.Ulss. In prospettiva, a maggio saranno invece presentati i risultati dei questionari sul lavoro di cura, un lavoro capillare con qualche centinaio di questionari raccolti in tutta la provincia.

A Treviso tutta la settimana dal 6 al 13 marzo sarà ricca di iniziative in tutta la provincia. Si parte con un grande pranzo di donne ad Caselle di Altivole, si continua con visite alle case di riposo per portare mimose e momenti di svago, culmina proprio l’8 marzo in piazza, nel pomeriggio, a Treviso con le canzoni di Francesca Gallo e letture varie e con lo spettacolo teatrale alla sera a Oderzo, “Primule rosse”. Si concluderà con un altro pranzo nell’oasi campagnola di Mareno di Piave.

A Venezia un calendario ricchissimo di iniziative, dalle feste ai fiori nelle sedi e nelle case di riposo. Un incontro su “Le donne emancipate nel mondo del lavoro”, collaborazioni con Comuni e Associazioni in particolare sugli stili di vita e la medicina di genere con l’A.Ulss 12.

A Verona si sta organizzando un reading con il gruppo teatrale Fuori Tempo dello SPI in collaborazione anche con la Rete degli studenti medi per festeggiare con l’occasione l’importante anniversario dei 70 anni del voto alle donne. Ricordarlo serve anche a ribadire che, in quest’epoca di forte assenteismo, rinunciare a un diritto significa perdere in democrazia. Inoltre ci sarà in collaborazione con l’Ivres una mostra sui lavori della donna. Ci saranno poi una rassegna di film a Legnago, un concerto a Villafranca Veronese e tante altre ancora.

A Vicenza durante tutto il mese di marzo, iniziative nelle varie leghe, a Schio per ricordare il 70esimo anniversario del voto alle donne. A Lonigo un convegno con la proiezione del bellissimo video sulle donne partigiane del vicentino. In città una mostra per illustrare i diritti calpestati delle donne nonostante battaglie e progresso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SPI CGIL, pensionate discriminate in "busta": 560 euro in meno rispetto ai maschi

VeronaSera è in caricamento