Economia Villafranca di Verona / Via Monte Baldo

Conflitto armato in Etiopia, fabbrica di Calzedonia sospende produzione

Il responsabile della sicurezza del gruppo veronese: «Contiamo di evacuare i dipendenti italiani con l'aiuto delle nostre autorità appena le condizioni lo consentiranno»

Fabio Comini, responsabile della sicurezza del gruppo Calzedonia, ha riferito ad Adnkronos che è stata sospesa la produzione del sito che l'azienda veronese aveva aperto nel Tigray, una regione dell'Etiopia in cui è scoppiato un conflitto armato tra governo centrale e autorità locali.

Il lavoro in fabbrica di oltre duemila dipendenti, tra etiopi e italiani, è stato bloccato dalla mancanza di energia elettrica e non si può attualmente prevedere una sua ripresa. Comini ha comunque spiegato che l'Unità di Crisi del Ministero degli Esteri è subito intervenuta per dare assistenza. «Da parte italiana abbiamo la massima collaborazione, lavoriamo a stretto contatto e ci sentiamo più volte al giorno - ha detto Comini ad Adnkronos - I cittadini italiani sono sei, di cui cinque dipendenti oltre ad un tecnico esterno, più un cittadino dello Sri Lanka. Comunichiamo fin dal primo giorno con i loro familiari e contiamo di poterli evacuare con l'aiuto delle nostre autorità appena le condizioni di sicurezza sul terreno lo consentiranno».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conflitto armato in Etiopia, fabbrica di Calzedonia sospende produzione

VeronaSera è in caricamento