Conflitto armato in Etiopia, fabbrica di Calzedonia sospende produzione

Il responsabile della sicurezza del gruppo veronese: «Contiamo di evacuare i dipendenti italiani con l'aiuto delle nostre autorità appena le condizioni lo consentiranno»

(Foto Calzedonia)

Fabio Comini, responsabile della sicurezza del gruppo Calzedonia, ha riferito ad Adnkronos che è stata sospesa la produzione del sito che l'azienda veronese aveva aperto nel Tigray, una regione dell'Etiopia in cui è scoppiato un conflitto armato tra governo centrale e autorità locali.

Il lavoro in fabbrica di oltre duemila dipendenti, tra etiopi e italiani, è stato bloccato dalla mancanza di energia elettrica e non si può attualmente prevedere una sua ripresa. Comini ha comunque spiegato che l'Unità di Crisi del Ministero degli Esteri è subito intervenuta per dare assistenza. «Da parte italiana abbiamo la massima collaborazione, lavoriamo a stretto contatto e ci sentiamo più volte al giorno - ha detto Comini ad Adnkronos - I cittadini italiani sono sei, di cui cinque dipendenti oltre ad un tecnico esterno, più un cittadino dello Sri Lanka. Comunichiamo fin dal primo giorno con i loro familiari e contiamo di poterli evacuare con l'aiuto delle nostre autorità appena le condizioni di sicurezza sul terreno lo consentiranno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento