Economia Centro storico / Via Giuseppe Mazzini

Saldi estivi al via con una partenza in salita: acquisti in calo rispetto al 2012

Secondo indagini di mercato le famiglie hanno un budget da dedicare allo shopping poco superiore ai 200 euro, mentre l'anno scorso la media era stata stimata intorno ai 230 euro

Hanno preso il via oggi a Verona, come del resto in tutto il Veneto, i saldi estivi, anche se in diverse attività gli sconti erano in atto già da qualche giorno.

Per froteggiare il periodo di crisi infatti, alcuni esercenti hanno dato il via alle promozioni con qualche giorno di anticipo. Clientela fidelizzata con card ed elenchi, sono le altre risorse utilizzate dai commercianti, che hanno inondato di mail ed sms i veronesi nel tentativo di convincerli a spendere. 

Le vetrine tapezzate di cartelli con sconti che vanno dal 20 % fino ad arrivare anche al 70 %, e gli stratagemmi prima citati, potrebbero però non essere sufficenti. Secondo le prime indagini di mercato infatti, i cittadini veneti quest'anno spenderanno ancora meno rispetto allo scorso anno. Nel 2012 era stato calcolato che ogni avrebbe messo a disposizione circa 230 euro da dedicare ai saldi estivi, ma nel 2013 le previsioni parlano di un budget appena superiore ai 200 euro. L'inizio delle promozioni sembra finora confermare questi dati e gli esercenti già lanciano l'allarme.

In calo quindi gli acquisti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ma i saldi sono appena inziati e questa iniziale partenza ad handicap può ancora essere ribaltata.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi estivi al via con una partenza in salita: acquisti in calo rispetto al 2012

VeronaSera è in caricamento