Coldiretti, più di un milione di firme raccolte per la trasparenza dei cibi

Un petizione europea per chiedere alla Commissione Ue di estendere l'obbligo di indicare l'origine in etichetta a tutti gli alimenti. In Veneto le firme raccolte sono state 99mila, di cui 22.187 a Verona

La consegna al premier Conte del "maxi assegno" con le firme raccolte (Fonte foto: sito Coldiretti)

Sono 99mila le firme raccolte in Veneto da Coldiretti, di cui 22.187 a Verona. E grazie anche a queste sottoscrizioni, è stato raggiunto lo storico obiettivo della raccolta di 1,1 milioni di firme di cittadini europei per chiedere alla Commissione Europea di estendere l'obbligo di indicare l'origine in etichetta a tutti gli alimenti. «Ringrazio i consumatori ma soprattutto gli amministratori, i dirigenti, singoli produttori e dipendenti di Coldiretti, chiunque in ogni angolo del Veneto ha contribuito a questo successo», ha commentato Daniele Salvagno presidente regionale di Coldiretti, presente al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio per assistere alla consegna al presidente del consiglio Giuseppe Conte di un "maxi assegno" simbolo dello storico traguardo dall'iniziativa. Un'iniziativa che gode del sostegno di numerose organizzazioni e sindacati di rappresentanza al fianco della Coldiretti e di Fondazione Campagna Amica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nello specifico, sottolinea Coldiretti, l'iniziativa dei cittadini si prefigge di rendere obbligatoria l'indicazione del paese di origine per tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell'Ue, senza deroghe per i marchi registrati e le indicazioni geografiche e per quanto attiene agli alimenti trasformati, l'etichettatura di origine deve essere resa obbligatoria per gli ingredienti principali se hanno un'origine diversa dal prodotto finale. La petizione chiede infine di migliorare la coerenza delle etichette, inserendo informazioni comuni nell'intera Unione circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

  • «A Verona 140 mila quintali di fragole da raccogliere: servono 3 mila lavoratori»

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Da Brescia a Verona, per 15 dottoresse ed infermiere "future spose" in regalo la torta

  • Meno malati di coronavirus negli ospedali veronesi, ma altri 4 decessi

Torna su
VeronaSera è in caricamento