Il turismo in Veneto riparte dagli influencer: il piano da 2,3 milioni di euro della regione

«Gli influencer entreranno in contatto con il territorio - ha precisato l’assessore regionale al Turismo Caner - per rendere tali esperienze replicabili dai loro followers e dai turisti»

Piano turismo Veneto 2020

«Se c’è un settore, che per la sua stessa natura, fatta di relazioni, spostamenti e aggregazioni, sta patendo pesantemente le conseguenze del Coronavirus, questo è il turismo. Sui 65 mila posti di lavoro persi nel Veneto, prima regione turistica d’Italia e una delle più importanti al mondo, ben 35 mila appartengono al vasto settore delle vacanze e dell’ospitalità. Da questa situazione massacrante vogliamo uscire con un’azione comunicativa forte e accattivante, facendo leva su un valore che nessuno possiede e che solo noi possiamo spenderci: the Land of Venice, il Veneto inteso come terra di Venezia». Con queste parole il presidente della Regione, Luca Zaia, ha introdotto al Centro della Protezione Civile di Marghera (Venezia), nel corso del quotidiano punto stampa sull’evolversi della situazione determinata dall’epidemia di Coronavirus, l’illustrazione del piano di rilancio turistico del territorio veneto dell’assessore Federico Caner.

Scarica la presentazione del piano di rilancio del turismo della Regione Veneto 2020

«Mai è stata realizzata una campagna promozionale di queste dimensioni per il turismo veneto, - ha detto Caner - sia in termini di risorse, sia per la varietà di azioni programmate, sia per il grandissimo numero di persone che in Italia e all’estero saranno raggiunte, nei modi più diversi, dal messaggio targato "The Land of Venice". Sarà un’operazione del tutto originale, per la parte digitale fuori da ogni  schema abituale, che nessuna altra realtà sta proponendo, che coniuga innovazione e tradizione, basata su pragmatismo, dinamismo e velocità».

Il piano di marketing costerà 2,3 milioni di euro, ha spiegato l’assessore, e prevede l’attivazione di tre linee di intervento: i canali tradizionali, cioè l’utilizzo di media, giornali, radio e televisioni, locali, nazionali e internazionali; i canali digitali (Facebook, Instagram, YouTube); l’attività di influencer marketing, cioè blogger, videomaker, fotografi, creatori di contenuti, che veicoleranno, rivolgendosi a target diversi, il messaggio promozionale attraverso il loro racconto (storytelling) di esperienze dirette vissute tra i vari tesori del Veneto, seguendo cinque percorsi tematici che vanno dalla cultura all’enogastronomia, dal relax all’esperienza di vacanza attiva.

«Gli influencer entreranno in contatto con il territorio - ha precisato l’assessore - per rendere tali esperienze replicabili dai loro followers e dai turisti, coinvolgendo ancor più i visitatori attraverso l’indizione di un concorso fotografico. Vogliamo trasmettere la bellezza e nel contempo la sicurezza dell’intero Veneto, - ha concluso Caner - non escludendo alcuna destinazione o prodotto turistico. Sulle suggestive immagini dei nostri territori, campeggerà sempre una grande "V", un vero e proprio marchio identificativo di tutta la regione, e il bollino "safe area", per assicurare che da noi viaggi, vacanze ed escursioni si svolgono in un ambiente controllato, in una Regione dalla sanità eccellente, uscita dalla lotta al Covid-19 ancora più forte».

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento