rotate-mobile
Economia Zai / Viale del Lavoro

Pubblico e operatori ai livelli pre-Covid per Progetto Fuoco. «Settore in buona salute»

Raul Barbieri, direttore generale di Piemmeti che ha organizzato l'evento in fiera a Verona: «Abbiamo respirato grande fiducia e da parte nostra la soddisfazione è tanta»

Progetto Fuoco ha chiuso in fiera a Verona con un grande successo di pubblico e operatori ed è tornato ai livelli pre-Covid, bissando le presenze dell'edizione 2020. Un'iniezione di fiducia per il settore che in Italia vanta un giro di affari di 4 miliardi di euro e 14mila aziende, complice anche il grande ritorno di interesse da parte dei consumatori per legna e pellet.

L'importante evento mondiale dedicato al riscaldamento a biomassa, promosso da Piemmeti, si è tenuto dal 4 al 7 maggio e ha visto la presenza di più di 800 brand, con il 32% di operatori provenienti dall’estero. Numeri in linea con l’edizione precedente, quando gli operatori esteri erano il 36%, ma comprendevano anche un 6% di russi e ucraini. «In questi giorni abbiamo respirato grande fiducia da parte di operatori ed espositori. Da parte nostra la soddisfazione è tanta, perché siamo di fronte ad un risultato per nulla scontato - ha dichiarato Raul Barbieri, direttore generale di Piemmeti - Dopo due anni difficili segnati dalla pandemia torniamo ai livelli del 2020 e smentiamo chi faceva previsioni negative alla vigilia. Il settore del riscaldamento a biomassa e Progetto Fuoco sono in buona salute. Abbiamo lavorato seriamente insieme a tutti i partner coinvolti, che ringrazio, e i risultati si sono visti».

progetto fuoco 2022 verona-2

Innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale sono stati i temi al centro di Progetto Fuoco 2022. Dalle stufe ai caminetti passando per caldaie, barbecue e cucine a legna e pellet. In prima linea in fiera, assieme alle grandi imprese che da sempre collaborano per lo sviluppo del comparto, sono stati presenti giovani innovatori e startup. Queste ultime ospitate all’interno dell’Innovation Village, una "future showroom" con le migliori startup italiane.
Nell’ultima giornata di manifestazione, il 7 maggio, si è tenuta la premiazione della seconda edizione di "Give Me Fire – Progetto Fuoco Startup Award", la challenge promossa da Progetto Fuoco, Blum e Aiel che ha visto numerose aziende innovative sfidarsi a colpi di pitch e presentare i loro prodotti tecnologici relativi al settore del riscaldamento a biomassa. Ad aggiudicarsi la vittoria è stata la startup pistoiese Ager Oliva, che ha l’obiettivo di salvare i 4 milioni di ulivi abbandonati in Toscana attraverso adozioni a distanza da parte di privati e aziende, così da garantire la salvaguardia della biodiversità, il rispetto dell'ambiente, il recupero di territorio ed evitare il rischio idrogeologico. Al secondo posto BioLogik Systems, startup con sede al Noi-Techpark di Bolzano che produce sistemi per la valorizzazione energetica di rifiuti di biomassa. Terzo posto ex-aequo per Altrefiamme, progetto che si propone di valorizzare l’intera filiera del legno grazie ad una piattaforma di e-learning professionale, un marketplace e un'area servizi basata su blockchain e sensorizzazione IoT, e Fybra, startup che ha brevettato un sensore IoT che, attraverso algoritmi predittivi e adattivi, migliora la qualità dell’aria negli spazi chiusi, sfruttando la ventilazione naturale o ottimizzando la ventilazione meccanica.
La manifestazione ha ospitato anche una hackathon che ha coinvolto trenta studenti e startupper per reinventare il mondo delle stufe e del barbecue. Gli studenti, selezionati dall'Istituto universitario di Architettura di Venezia, e guidati dai professori di Smact - Competence Center del Nordest, sono stati suddivisi in sei team. Sulla base dei brief assegnati loro dalle aziende, si sono cimentati in una “maratona di idee” durata dalle 10 alle 16, per rispondere alle sfide proposte dalle tre grandi aziende leader del settore: Edilkamin, La Nordica Extraflame e Palazzetti.

Ma Progetto Fuoco ha puntato i riflettori anche su bellezza e design dei prodotti. Sono andati alle aziende Moretti Fire di Ripatransone (Ascoli Piceno) e Kalon di Tarquinia (Viterbo) i due riconoscimenti della prima edizione di "Prize X 2021", premio di design per stufe e caminetti organizzato in partnership con il blog "Fire Observer - Danilo Premoli". Il premio è stato assegnato sulla base dei voti dei lettori del blog e di quelli di una giuria di architetti e stampa specializzata.
Nell’allestimento in fiera le stufe selezionate per la finale del premio sono state ambientate da alcune aziende mobiliere di Lignum, ente di governance del Distretto del Mobile di Verona, Padova e Rovigo, che in partnership con Piemmeti ha creato un’area espositiva di 400 metri quadri a Progetto Fuoco. In questo contesto 14 aziende del Distretto hanno arredato dieci spazi arredativi per ambientare le dieci stufe selezionate dal team di Prize X.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblico e operatori ai livelli pre-Covid per Progetto Fuoco. «Settore in buona salute»

VeronaSera è in caricamento